Cronaca

L’Italia deve risarcire Amanda Knox: i suoi diritti sono stati violati

La Corte Europea dei Diritti dell’Uomo di Strasburgo, in Francia, ha condannato l’Italia a risarcire Amanda Knox.

Per la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo i diritti di Amanda Knox sono stati violati.  L’Italia, a gennaio, è stata condannata per aver violato il diritto alla difesa della donna, accusata, condannata e poi assolta per il delitto della coinquilina Meredith Kercher.

L’Italia dovrà pagare circa 20.000 dollari di danni e spese legali alla Knox per non aver fornito un avvocato o un traduttore corretto a Perugia.

Stando alla Corte, durante le ore di interrogatorio della polizia del 6 novembre 2007 (fasi iniziali dell’indagine del delitto) sarebbe stata lasciata sola. L’Italia aveva fatto ricorso, ma è stato respinto.

Nel respingere la richiesta, il tribunale ha emesso la sentenza definitiva. Lo stato italiano dovrà pagare i danni della Knox. La sentenza sarà trasmessa al Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa, che supervisiona l’esecuzione delle sentenze della Corte Europea. Questo dovrebbe mettere fine ai procedimenti giudiziari della Knox in Italia.

La Knox era una studentessa universitaria di 20 anni che studiava all’estero in Italia quando lei e Raffale Sollecito, il suo fidanzato all’epoca, furono accusati di aver ucciso Kercher nel novembre 2007. Trascorsero quasi quattro anni in un carcere italiano mentre i procedimenti giudiziari si svolgevano .

La Knox, insieme a Sollecito, è stata definitivamente assolta dall’omicidio della Kercher nel 2015 dopo una lunga prova giudiziaria, che ha coinvolto due processi giudiziari di appello e due decisioni della Corte Suprema italiana.

Tag

Articoli correlati

Back to top button
Close