Gender

Libertà dall’LGBT e amore per Gesù: la Freedom March dei Millenari in Florida

Centinaia di persone per proclamare la libertà dall’omosessualità.

(di Nausica Della Valle) Pochi giorni fa si è tenuta la Freedom March a Orlando, in Florida. Né la pioggia né il caldo intenso hanno potuto impedire a centinaia di persone di radunarsi per proclamare la propria libertà dall’omosessualità. Un gruppo di millenari appassionati che si definiscono «vincitori» grazie all’amore di Gesù, hanno portato la Marcia della libertà in Florida per condividere come Gesù li ha liberati dallo stile di vita LGBT.

Nonostante la minaccia di una tempesta tropicale contro-manifestanti, centinaia di persone sono arrivate al Lake Eola Park per marciare con il gruppo di vincitori. Numerosi ministeri del luogo e nazionali hanno allestito tende intorno al parco, molte chiese locali hanno presenziato per sostenere la marcia, tra cui: C Life Orlando , Church in the Son , First BaptistKing Jesus Orlando, e Redentore di Dio, tra gli altri.

L’evento è iniziato poco prima di mezzogiorno con una intensa e fervente preghiera per la città, per la comunità LGBT e per altri gruppi di persone.

Forze pubbliche per la sicurezza e agenti di polizia hanno assicurato il perimetro durante l’evento perché la Marcia della libertà aveva ricevuto diverse minacce, tra le quali anche una minaccia da un  gruppo cristiano che pro-LGBT.

Angel Colon e Luis Javier Ruiz hanno ospitato l’evento e condotto la condivisione di testimonianze di salvezza in una conchiglia, prima che il gruppo marciasse attorno al parco. Entrambi gli uomini sono sopravvissuti alle sparatorie di massa al nightclub Pulse nel 2016 e da allora hanno abbandonato l’omosessualità e hanno iniziato un ministero chiamato Fearless Identity  per aiutare le chiese a condividere efficacemente l’amore di Gesù con la comunità LGBT.

«Non è un messaggio per passare da gay a etero, ma per salvare», ha dichiarato Ruiz.

Il culto è stato guidato da Edward Byrd che prima si identificava come androgino prima di trovare la libertà in Cristo e di accettare la sua identità come figlio di Dio.

Centinaia hanno alzato le mani in lode e adorazione, dichiarando nei testi: «Gesù, fai tremare l’oscurità» e «c’è potere nel nome di Gesù». Diversi vincitori hanno condiviso le loro testimonianze.

Il fondatore di Freedom MarchJeffrey Mccall, ha condiviso come Dio lo abbia portato fuori da una vita di prostituzione come transgender. Una donna di nome Laura Perry ha condiviso di aver combattuto così tanto con l’identità di genere che ha rimosso chirurgicamente le sue parti del corpo per diventare un uomo solo per scoprire che nulla è cambiato all’interno. Invece, ha scoperto che nel suo cuore mancava un Salvatore.

Un momento importante è stato quando il giovane gruppo di vincitori è salito sul palco e ha avuto un momento di silenzio per le 49 persone che sono state uccise il 12 giugno 2016, nel nightclub gay Pulse da un sicario che ha proclamato la sua fedeltà al gruppo terrorista dello Stato Islamico.

Il gruppo di vincitori ha proclamato alla folla che Dio «ama le persone gay» ed è importante che le persone conoscano Gesù come loro Salvatore prima di provare a cambiare il loro stile di vita. Hanno predicato che è Dio che ci trasforma e non ha nulla a che fare con la terapia di conversazione o qualsiasi altra cosa del genere.

Mentre cantavano i fedeli, Ruiz e MJ Nixon, ex lesbica e fondatrice di Uprooted Heart Inc., eseguivano battesimi spontanei per diverse persone in una piscina che hanno allestito al lato del palco.

Molti dei partecipanti indossavano magliette che dichiaravano messaggi come «Changed», «FM (Freedom March)», «Fearless Identity» e «Take back the rainbow».

Una tenda allestita per mamme e papà «senza paura» piena di genitori che hanno fiducia in Dio per la salvezza dei loro figli. Genitori che hanno abbracciato le persone mentre camminavano e trovando sostegno l’uno nell’altro.

Verso l’ultima ora dell’evento, i vincitori hanno chiesto a tutti i presenti di voltarsi verso la città con le mani alzate e pregare. Molte persone hanno accettato di ricevere Gesù nella loro vita. E sono state condotte a Cristo. Tutti coloro che hanno trovato la libertà in Cristo hanno fatto una foto di gruppo e poi tutti si sono mobilitati per marciare intorno al parco. C’erano oltre 400 persone che marciavano intorno al Lago Eola Park gridando frasi come «libertà in Cristo, è così bello», «Dove c’è lo Spirito del Signore c’è libertà», e la chiamata e la risposta, «quando dici Gesù, dici libertà»

La prima marcia della libertà  si è tenuta a Washington, DC, il 5 maggio 2018, e il gruppo dei millennial intende continuare a fare la marcia a livello nazionale e si recherà in Georgia a ottobre prossimo e di nuovo a Washington a maggio 2020.

Ogni marcia ha lo scopo di condividere la loro trasformazione in Cristo, equipaggiare il Corpo di Cristo su come raggiungere la comunità LGBT e offrire un posto sicuro a coloro che sono nella comunità LGBT per venire a conoscenza di Gesù Cristo del suo amore, della verità e della vera libertà.

Nausica Della Valle

Leggi anche: California shock: sì alla distribuzione forzata di pillole per l’aborto nelle scuole.

Tag

Articoli correlati

Back to top button
Close