Laura Pausini e Nek: la musica scende in campo per i bambini di Bibbiano

di VoceControCorrente

Diversi artisti hanno espresso il proprio sgomento sulla vicenda degli affidi illeciti.

Rabbia, indignazione e sgomento. Il mondo della musica scende in campo per commentare i fatti di Bibbiano. Lo scandalo di affidi illeciti, con i figli sottratti ingiustamente ai genitori per essere affidati a coppie anche omosessuali, continua a generare polemiche. Molti esponenti del centrosinistra, come l’ex presidente della Camera Laura Boldrini, hanno espresso quasi fastidio per il fatto che destra e 5stelle parlassero della vicenda, accusandoli di “strumentalizzazione politica”.

Ora però a chiedere verità per questa inchiesta che ha coinvolto diversi esponenti del Pd locale sono anche alcuni cantati di portata internazionale. La prima a prendere posizione è stata Laura Pausini. In un lungo post su Facebook, la popstar originaria di Solarolo (in provincia di Ravenna) – tra le altre cose – ha scritto: ”

Voi non sentite di avere nelle mani degli schiaffi non dati?
Non sentite la voglia di urlare?
Non sentite la voglia di punire queste persone in maniera molto dura?
Scusate lo sfogo ma a me manca il fiato pensando a questi bambini e alle loro famiglie che sono stati torturati psicologicamente per sempre. Se avete un figlio pensate che improvvisamente una persona della quale per altro potreste anche fidarvi, fa un lavoro psicologico tanto grave da portarveli via e affidarli ad altre persone”.

Alla Pausini si è unito un altro artista della musica italiana, da sempre impegnato in difesa della famiglia e della vita, Nek:

Sono un uomo e sono un papà. È inconcepibile che non si parli dell’agghiacciante vicenda di #bibbiano
Penso a mia figlia e alla possibilità che mi venga sottratta senza reali motivazioni solo per abuso di potere e interesse economico. È proprio così. Ci sono intere famiglie distrutte, vite di bambini di padri e di madri rovinate per sempre…e non se ne parla. Ci vuole giustizia!!”.

Intanto, mentre qualcosa sembra finalmente muoversi su questo triste scandalo, ieri sera i cittadini della città coinvolta (anche il sindaco Andrea Carletti, del Pd, è ai domiciliari) hanno marciato silenziosamente in una fiaccolata spontanea organizzata per chiedere verità (leggi qui il nostro articolo https://vocecontrocorrente.it/fiaccolata-per-i-bambini-a-bibbiano-si-marcia-in-cerca-di-verita/).

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un 'Mi Piace' sulla nostra pagina Facebook!

Articoli Correlati