Lampedusa, sbarcano i migranti ma la nave è sotto sequestro

di VoceControCorrente

L’imbarcazione della ong “Mediterranea” è stata scortata dalla Guardia di Finanza fino al porto dell’isola.

La nave umanitaria “Mare Ionio” è stata sequestrata, dopo essere giunta al porto di Lampedusa. Ieri sera, infatti, è avvenuto lo sbarco dei migranti a bordo, una cinquantina di naufraghi africani che sono arrivati sull’isola, al grido di “liberté, liberté”.

Ma, completato l’approdo, sotto la supervisione della Guardia di Finanza, per l’imbarcazione italiana sono scattati i sigilli. A disporli è stata la procura di Agrigento. L’accusa è quella di “favoreggiamento dell’immigrazione clandestina“. Già da ieri, infatti, alcune dichiarazioni della marina libica lasciavano intendere che non si trattasse di un nuovo “caso Diciotti”. Le autorità africane hanno accusato la nave “Mare Ionio”, che avrebbe mentito sulle condizioni del barcone su cui viaggiavano i migranti, per scavalcare la marina e effettuare lei stessa il salvataggio.

“Questo presunto salvataggio – ha attaccato il vice premier Matteo Salvini – di questa nave gestita dai centri sociali era organizzato da giorni ha evidenziato. Sono sicuro che si sia trattata di una provocazione politica che ha messo a rischio 50 vite”.

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un 'Mi Piace' sulla nostra pagina Facebook!

Articoli Correlati