“L’aborto? Un atto d’amore e d’altruismo”. Polemiche sui social per la campagna shock

di VoceControCorrente

L’aborto è un atto d’amore e altruismo. Questo lo scioccante messaggio lanciato da una campagna promossa dall’organizzazione statunitense National Women’s Law Center.

Lo scopo è quello di «riformulare» il dibattito e «combattere contro l’assalto al diritto all’aborto nel nostro Paese», si legge sul sito web della campagna Abortion Actually.

E ancora: «L’aborto è un atto d’amore. Un atto di compassione. Un atto di guarigione. Un atto di altruismo». Anche la grafica che accompagna la campagna utilizza una combinazione di queste parole, mistificando la realtà perché non c’è amore nell’impedire a una vita di nascere ma tanto dolore.

Yumhee Park, senior manager della campagna e delle strategie digitali per il National Law Law Centre, ha spiegato: «Se hai abortito o stai pensando di abortire, vediamo il tuo amore per te stesso e per gli altri, vediamo la tua guarigione e la guarigione della tua comunità, vediamo la tua autoconservazione  il tuo altruismo, vediamo la tua compassione e ti amiamo».

Questa campagna, però, com’era ovvio attendersi, sta suscitando molte polemche sui social media. Un utente, in modo sarcastico, ha scritto: «Come no, fermare il cuore pulsante del nascituro, assumertene la responsabilità è un atto così altruistico…». Un altro: «Dare la vita è amore, NON prenderla… La scelta della vita è davvero L’ATTO più altruistico di tutti». E un altro ancora: «I soldi spesi per uccidere dovrebbero essere usati per aiutare, sostenere e prendersi cura delle madri».

LEGGI ANCHE: Simona Izzo si lamenta della pensione, la reazione di Maurizio Costanzo.

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un 'Mi Piace' sulla nostra pagina Facebook!

Articoli Correlati