Lombardia

La Lombardia chiede un mini-lockdown: coprifuoco dalle 23 alle 5 e stop delle attività

I sindaci di tutti i Comuni capoluogo chiedono lo stop di tutte le attività e degli spostamenti dalle 23 alle 5

La Lombardia chiede un nuovo mini-lockdown per scongiurare il peggio. In particolare, i sindaci di tutti i Comuni capoluogo chiedono lo stop di tutte le attività e degli spostamenti, ad esclusione dei casi ‘eccezionali’ (motivi di salute, lavoro e comprovata necessità), nell’intera Lombardia dalle ore 23 alle 5 del mattino a partire da giovedì 22 ottobre.

Mini-lockdown in Lombardia, la richiesta dei Comuni

La proposta è stata lanciata dai sindaci dei Comuni, il presidente dell’Anci, Mauro Guerra, i capigruppo di maggioranza e di opposizione e il governatore Attilio Fontana, preso atto di quanto rappresentato dal Comitato Tecnico Scientifico lombardo, chiederanno di condividere al Governo, nella persona del ministro della Salute, Roberto Speranza, per fronteggiare la diffusione del virus.

Alla videoconferenza in cui è stato chiesto di condividere con il Governo il coprifuoco dalle 23 alle 5 in Lombardia erano collegati tutti i sindaci dei capoluoghi lombardi di provincia. Erano invece presente a Palazzo Lombardia, con il presidente Attilio Fontana il sindaco di Milano Giuseppe Sala, il presidente dell’Anci Lombardia, dell’Unione provincie lombarde , i capigruppo di maggioranza e minoranza in Consiglio regionale.

Tag

Articoli correlati

Rispondi

Back to top button
Close