EsteriIn evidenza

Kenya, rifiutano di convertirsi all’Islam: 9 cristiani uccisi

In Kenya nove cristiani sono stati uccisi dai combattenti di Al-Shabaab, gruppo terroristico jihadista sunnita di matrice islamista, nato intorno al 2006 e attivo soprattutto in Somalia. Altri due risultano dispersi.

Athanus, Enos, Kelvin, Wisely, Tikanee, Leonard, Francis, Rodgers e Anchari. Tutti si sono rifiutati di recitare la dichiarazione di fede islamica: lo Shahada e tutti sono stati assassinati. Altri due, Emmanuel e Nathan, non si sa dove siano.

L’autobus in cui si trovavano è stato attaccato vicino a Kotulo nel Kenya nord-orientale il 6 dicembre scorso. International Christian Concern (ICC) ha riferito che i passeggeri sono stati costretti a scendere dal mezzo. Una volta che si sono rifiutati di recitare gli Shahada, sono stati uccisi a colpi di arma da fuoco a distanza ravvicinata.

Un agente di polizia kenyota ha detto all’ICC: «Un autobus appartenente alla compagnia di autobus Medina, in viaggio tra Wajir e Mandera, è stato attaccato da una banda criminale verso le 17.30. L’attacco è avvenuto nella regione di Maadathe, a cinque chilometri da Kotulo».

Lo scorso ottobre in Kenya, un tassista musulmano, Hassan Abdul, ha salvato la vita di 8 cristiani durante un attacco terroristico del gruppo terrorista islamico Al-Shabaab.

LEGGI ANCHE: Rifiuta di rinnegare la propria fede, schiava da 2 anni di Boko Haram.

Tag

Articoli correlati

Rispondi

Back to top button
Close