Cultura & Scienze

Irene Grandi: “Ho iniziato a cantare in chiesa, un posto dove non ci sono applausi”

La cantante toscana ha parlato a Radio Due della carriera, degli inizi e del rapporto col pubblico. Sarà una delle partecipanti al festival di Sanremo?

(GL) In onda a ‘I Lunatici’ su Radio 2, Irene Grandi ha ricordato gli inizi della propria carriera, i momenti più emozionanti e le collaborazioni più importanti.

 «Ho iniziato a cantare in chiesa, mi dovevo alzare presto per andare a cantare la mattina della domenica. Mi piaceva la magia di cantare in un posto dove poi non ci sono applausi. Per me era un momento quasi di trance», ricorda l’artista toscana che qualche mese fa, in occasione delle nozze con l’avvocato Lorenzo Doni, ha cantato ‘Hallelujah’ di Leonard Cohen prima dello scambio delle promesse.

La vita sentimentale non è stata quasi mai semplice da quanto emerge dal suo racconto: «Io sex symbol? Ho fatto delle scelte pessime. C’era tanta scelta, ma io volevo sempre quello più difficile. Non mi volevo fermare, non so come dire. Non riuscivo a vedere una coppia in una maniera sensata, volevo emozioni, volevo rivivere quelle grandi emozioni che si vivono su un palco».

LEGGI ANCHE: Re Magi: origini, chi sono, nomi e doni. Sicuri di sapere tutto?

La fame di adrenalina caratterizza anche i suoi fan: «Tutti i matti del paese sono miei, li attiro proprio. Ma sono fantastici. Tanti ragazzi hanno fatto follie per me. Anche ragazze. Alcuni hanno festeggiato il centesimo concerto che vedevano. Mi sono arrivati sul palco fiori, lettere, peluche. E poi c’è stato un fan che aveva tantissime foto di noi sul profilo, che a un certo punto si presentò e mi disse che se avessi visto qualcuno vagare per Firenze con un regalo in mano sarebbe stato lui…»

Parlando poi della sua lunga carriera, ricorda il momento più alto: «Quando ho duettato con Pavarotti e con Pino Daniele». Forte l’ammirazione ormai nota per Vasco Rossi: «E’ il grande padre. Non esageriamo, però è così puro, così bello, è fantastico poter avere a che fare con la curiosità che ha sempre dimostrato nei miei riguardi. Ha un’estrema empatia con me». Le dichiarazioni su Jovanotti riportano al periodo degli inizi: «E’ stato un flash nella mia vita. Fu un inizio folgorante, ci si folgorò a vicenda, poi dopo lui si è accasato in un paesino vicino Assisi e l’ho un po’ perso di vista. E’ stato uno dei miei primi sostenitori, mi diede tanto coraggio».

Rivedremo Irene Grandi prossimamente a Sanremo insieme ad Amadeus? «Quando torno? Direi presto, però non si sa…»

LEGGI ANCHE: Nadia Toffa, mamma Margherita: “Quel giorno in cui le ho detto una bugia”.

Tag

Articoli correlati

Rispondi

Back to top button
Close