EsteriIn evidenza

India, le uccidono il marito ma Bindu: “Non rinuncerò mai alla fede in Gesù”

In India un cristiano è stato ucciso il 7 giugno scorso per la sua Fede.

In India un cristiano è stato ucciso il 7 giugno scorso per la sua Fede in Gesù.

Oggi la moglie Bindu piange la morte del marito Kande e vive nascosta insieme ai suoi due figli. Chi è stato coinvolto nell’omicidio ha anche contattato la donna, chiedendole di tornare nel villaggio e assicurandole che non sarà fatto nulla né a lei né ai figli.

Invece, è molto probabile che Bindu e i suoi figli possano subire la stessa sorte del defunto marito. Il padre della donna l’ha incoraggiata ad abbandonare la sua Fede così da sopravvivere ma Bindu ha risposto così: «Vivrò per Gesù e morirò per Gesù, ma non tornerò mai indietro».

Come riportato su PourtesOuvertes.fr, Kande Munda era un muratore. Lui e la sua famiglia sono stati perseguitati e discriminati ripetutamente per via della loro Fede, anche dai suoi stessi fratelli e da altri parenti. La comunità locale ha chiesto a Kande di pagare ingenti somme di denaro.

Nel 2018 la persecuzione prese una svolta terrificante. Gli abitanti del villaggio cominciarono a minacciare di morte Kande per abbandonare il Cristianesimo. E quando la sua matrigna, che non era cristiana, venne nel villaggio, fu violentata per scoraggiare la famiglia dal seguire Gesù. Kande e Bindu hanno vissuto sotto pressione in questo modo per due anni e poi hanno preso in considerazione l’idea di recarsi altrove.

Il 7 giugno scorso, a cena, mentre stavano parlando della possibilità di andarsene, una folla si è radunata fuori dalla loro casa, chiedendo a Kane di uscire. Bindu ha ricordato: «Mi ha assicurato di rimanere forte e di non rinunciare mai alla mia fede in Gesù, anche se lo avessero ucciso».

Kande, infatti, fu catturato, mentre Bindu e i suoi due figli riuscirono a fuggire. L’uomo è stato portato in un luogo remoto del villaggio e poi picchiato brutalmente fino alla morte. Anche i suoi fratelli sono stati coinvolti nell’omicidio.

Il giorno successivo, il corpo di Kande è stato trovato in una radura. Nessuno ha denunciato la tragedia alla polizia. E le forze dell’ordine non hanno fatto nulla neanche in seguito alla denuncia di Bindu. Il caso è stato classificato come una disputa sulla proprietà e nessun colpevole è stato arrestato.

LEGGI ANCHE: In Nigeria un altro massacro di cristiani.

Tag

Articoli correlati

Rispondi

Back to top button
Close