Storie

India, “La mia famiglia ha ucciso mia moglie perché mi sono convertito al Cristianesimo”

Le grida dei parenti: «Chiunque farà Alleluia dovrà affrontare conseguenze simili».

(di Nausica Della Valle) Una incredibile storia, forte e molto dolorosa quella di Rohit Oraon venticinquenne dell’India orientale. Sapeva che suo fratello e suo padre non approvavano il suo cambio di fede dalla religione tribale di Sarna (che prevede l’adorazione di un dio creatore chiamato Dharmes e una dea identificata con la natura) al Cristianesimo e che erano gelosi della sua proprietà, oltre la fratellanza che aveva con i cristiani, ma non riesce ancora a credere che la sua famiglia potesse arrivare a tanta crudeltà.

«Proprio davanti ai miei occhi, ho visto mio fratello colpire mia moglie con l’ascia dif ronte alla figlia di 3 anni e l’ho vista morire impotente», ha detto Rohit. «Ho visto che ormai era morta, sono fuggito e mi sono nascosto dietro un cespuglio».

«Mia figlia Roshini è ancora sotto shock e continua a dirmi come gli zii hanno ucciso sua madre e che mi avrebbero ucciso allo stesso modo», Rohit, piangendo, ha detto al Morning Star News. Sua moglie, Parvati Devi, aveva 23 anni.

Rohit Oraon ritiene che l’omicidio fosse pianificato, non spontaneo, e che i suoi parenti intendessero anche uccidere lui e suo figlio. Continua: «Ma non riesco ancora a capire come la sua gelosia può averlo portato all’omicidio», ha dichiarato, riferendosi a suo fratello, Bandhan Ram Oraon di 36 anni. «Dopo aver ucciso mia moglie, hanno chiesto a tutti i cristiani di uscire, dicendo: “Ci sbarazzeremo di tutti voi, una volta per tutte”»

Nel remoto villaggio di Lukujhariya, a 45 km dalla capitale dello stato di Jharkhand, quasi tutti praticano la religione tribale di Sarna; solo altre cinque famiglie sono cristiane, tra cui quella di suo zio Phulchand, che fu la prima a riporre la fede in Cristo (poiché tutti gli abitanti del villaggio portano il cognome della loro tribù, Oraon, sono identificati dal nome).

Rohit aveva discusso con suo fratello e suo padre e gli zii e i cugini che si unirono all’attacco sono apparsi troppo in fretta appena suo fratello li ha chiamati; afferma sospettoso Rohit. Convinto che è stato tutto premeditato. Il venticinquenne continua il racconto dicendo che mentre la moglie giaceva morta, i parenti cantavano: «Chiunque farà “Alleluia” dovrà affrontare conseguenze simili».

«Sono rimasto scioccato dalla prontezza con cui stavano solo aspettando di essere chiamati», dice a Morning Star News. «Proprio davanti a i miei occhi, ho visto l’atroce gesto di mio fratello Bandhan colpire mia moglie Parvati e morire impotente», ha detto.

«Ero molto preoccupato per mia figlia Roshini, che ho visto in piedi vicino alla porta di casa piangere mentre guardava i suoi zii uccidere sua madre”, ha detto Rohit. «Bandhan ha visto Roshini e ha preso la bambina di 3 anni a testa in giù. Stava per ucciderla con l’ascia mentre io guardavo impotente. Totalmente distrutto, ho pregato, “Fai qualcosa Gesù, ti prego salvala”». Appena sollevato il capo vide che il fratello Bandhan era distratto da qualcosa e che la bimba camminava tranquilla verso la casa più vicina.

«Continuavo a pregare nel mio cuore». «Mi sono sentito così infelice dietro il cespuglio», ha detto Rohit. «Ho aspettato che tutti tornassero a casa per poter raccogliere Roshini e fuggire, ma nonostante la lunga attesa, non si sono arresi ma hanno continuato a cercarmi con una torcia».

Rohit lasciato il villaggio, camminò per circa 15 km al buio fino a casa del suo pastore, nel villaggio di Bhanpur, e verso le 4 del mattino, ebbe la notizia della morte di suo padre. Con il pastore sì reca alla stazione di polizia di Angara per sporgere denuncia, ma trovò la sorpresa del suo arresto, accusato dai parenti come l’omicida della moglie e del padre.

Forte della sua innocenza invita gli ufficiali di perquisire il villaggio e controllare le impronte digitali sull’arma del delitto. Gli inquirenti verificarono i fatti al villaggio, e dopo accurate ricerche e intimidazioni a dire la verità, i parenti hanno confessato. Rohit fu scagionato e i parenti arrestati. Sono stati arrestati due sospetti, ma le indagini sono ancora in corso.

«Parvati Devi è stata colpita dall’ascia sotto la sua mano sinistra e un colpo era visibile proprio sotto l’orecchio», ha detto Mehta. “Alla denuncia del marito del defunto, abbiamo arrestato due sospetti dopo le indagini iniziali e le indagini sono ancora in corso.”

L’India è classificata al 10 ° posto  nella World Watch List del 2019 di Open Doors, organizzazione mondiale di supporto, dei paesi in cui è più difficile essere cristiani. Il paese era 31° nel 2013 ma la sua posizione è peggiorata ogni anno da quando Narendra Modi del Partito Bharatiya Janata è salito al potere nel 2014.

Nausica Della Valle

Leggi anche: India, 12enne sorda, picchiata e abbandonata perché ha scoperto Gesù.

Tag

Articoli correlati

Back to top button
Close