EsteriIn evidenza

India, 16enne lapidato e pugnalato per la sua fede cristiana

Il corpo è stato ritrovato il 5 giugno nella giungla di Malkangiri, a 6 km dal suo villaggio di Kenduguda.

Incitati dagli estremisti indù, i seguaci della religione tribale tradizionale dell’India orientale, la scorsa settimana hanno pugnalato e lapidato a morte un ragazzo cristiano di 16 anni, a causa della sua fede. Il corpo mutilato di Sambaru Madkami è stato trovato venerdì 5 giugno nella giungla di Malkangiri, a circa sei chilometri dal suo villaggio di Kenduguda, nel distretto di Malkangiri, nello stato di Odisha.

Gli animisti del villaggio lo avevano sequestrato giovedì notte (4 giugno) dopo aver deciso di uccidere i capi maschi delle tre famiglie cristiane del villaggio. «Erano venuti per me ma non ero in casa. Avevo portato mia figlia dal medico», ha dichiarato il padre di Sambaru, Unga Madkami, in un’intervista a Morning Star News.

Vivendo a casa invece che nell’ostello della sua scuola a Bhejaguda a causa di un blocco del Covid-19, Sambaru aveva condotto le riunioni quotidiane di una chiesa domestica, il cui pastore fondatore, che viveva in un’altra città, osava apparire solo due volte al mese a causa della crescente opposizione degli abitanti del villaggio. Le uniche tre famiglie cristiane del villaggio, su 210 famiglie, si sono incontrate a casa di Sambaru. «Sambaru conosceva la Parola di Dio più di tutti noi», racconta il cugino a Morning Star News. «Così è stato lui a condurci in un tempo di preghiera e di apprendimento della Bibbia ogni giorno, in casa sua».

IL RACCONTO DEI TESTIMONI

«Circa sette o dieci abitanti del villaggio si sono recati a casa della sua famiglia verso le 23 del 4 giugno e hanno chiamato suo padre», dichiara un residente della zona, il cui nome non è stato comunicato per motivi di sicurezza. «Mentre il padre di Sambaru pernottava a casa di un parente, in viaggio verso l’ospedale, a diverse miglia di distanza dove stava portando sua figlia per le cure, gli abitanti del villaggio hanno rapito Sambaru», ha detto la fonte.

«Lo portarono qualche metro più in là dove lo aspettava un’enorme folla», ha detto il testimone oculare a Morning Star News, tradotto dalla lingua tribale da un pastore della zona. «Gli legarono le mani e cominciarono a picchiarlo. Gli assalitori sono poi andati a casa del cugino di Sambaru, come suo padre anche lui di nome Unga Madkami, e lo hanno chiamato ma la moglie gli ha impedito di uscire esortandolo a correre per la sua vita verso la giungla».

Gli aggressori hanno poi chiamato il terzo maschio cristiano preso di mira, il diciottenne Sukka Padiami, che è saltato dalla finestra sul retro ed è fuggito verso la giungla. «Sia io che Sukka abbiamo corso tutta la notte attraverso la giungla», ha detto il cugino. «Abbiamo corso per quasi 20 chilometri (12 miglia) e poi abbiamo chiamato il nostro parroco che ci ha ordinato di andare a casa del suo amico, e ci siamo rifugiati lì».

L’AUTOPSIA

«Gli abitanti del villaggio sono stati istigati ad attaccare i cristiani per volere degli estremisti indù», racconta il pastore di zona Bijay Pusuru, un caro amico della famiglia Sambaru. «Gli assalitori hanno trascinato Sambaru a sei chilometri dal villaggio nella giungla, “completamente” strappandogli la pelle sulla schiena», continua il pastore, citando informazioni tratte da un referto autoptico.

Il pastore della chiesa della casa del villaggio di Sambaru, Inga Madkami, racconta che le informazioni della polizia e il rapporto dell’autopsia indicano che gli aggressori hanno rotto le gambe e le mani del giovane cristiano, l’hanno messo in un sacco e l’hanno pugnalato con un coltello. «Ci è stato detto che sono visibili diverse pugnalate alla schiena», dichiara.

L’autopsia ha indicato che gli assalitori hanno sciolto il sacco annodato, hanno aperto la bocca di Sambaru da entrambi i lati e gli hanno spaccato la faccia con una pietra enorme. «I suoi occhi, il naso e il volto non erano visibili», ha detto il pastore Pusuru, singhiozzando. «Era tutto fracassato». L’autopsia ha indicato che gli assassini hanno poi colpito il retro della testa di Sambaru con una pietra prima di tagliargli la gola. «Hanno scavato una fossa poco profonda e vi hanno messo il suo cadavere, ricoprendolo di fango e foglie», dichiara il pastore Pusuru a Morning Star News.

L’ARRESTO

La polizia ha arrestato sei persone dopo che il cugino di Sambaru ha sporto denuncia, e due dei sospetti, Deba Madkami e un altro di cui non è chiara l’identità, hanno confessato il rapimento e l’omicidio e hanno condotto gli agenti al corpo di Sambaru. «Alla confessione di due degli arrestati siamo riusciti a rintracciare il corpo mutilato di Sambaru», ha detto l’ispettore Ram Prasad Nag, ufficiale investigativo che è anche capo della stazione di polizia di Malkangiri, a Morning Star News. «Siamo ancora in fase di indagine e con l’emergere di nuovi fatti le sezioni del FIR (First Information Report) sono state modificate di conseguenza». Nella registrazione di venerdì 5 giugno vengono indicati quattro sospetti: Deba Madkami, Budra Muchaki, Aaita Kabasi e Ramu Madi.

La polizia ha trovato il corpo di Sambaru alle 19 di venerdì 5 giugno ma non ha recuperato e trasportato il corpo fino al mattino successivo. «Dopo l’autopsia, la famiglia di Sambaru ha seppellito il corpo ad un servizio funebre officiato dal pastore Pusuru, sabato 6 giugno, nella casa natale del defunto Kenduguda, sotto la supervisione della polizia alle 21», racconta il pastore Madkami.

LA FEDE CRISTIANA

Il cugino di Sambaru ha dichiarato nella sua denuncia alla polizia che Sambaru è stato rapito e ucciso per la sua fede cristiana ma gli arrestati hanno detto agli agenti che lo hanno ucciso perché lui e gli altri cristiani presi di mira praticavano la magia nera. «Nelle ultime settimane 15 persone sono morte per vari motivi nel villaggio», ha detto Nag a Morning Star News. «Alcuni avevano un gonfiore alle mani e alle gambe; gli abitanti del villaggio sospettavano che Unga (Madkami, il padre di Sambaru) fosse coinvolto nella magia nera e nella stregoneria». I parenti di Sambaru hanno smentito categoricamente le accuse ribadendo che il movente dell’omicidio era: «puramente la nostra fede cristiana».

Gli abitanti del villaggio di Mobbing sembravano poco trattenuti dagli arresti. «Uccidere Sambaru non è stato sufficiente, gli abitanti del villaggio si sono riuniti venerdì 5 giugno e hanno deciso di uccidere tutti i membri delle tre famiglie cristiane», ha detto il pastore Pusuru a Morning Star News. «Tutti i membri delle tre famiglie cristiane hanno dovuto chiudere le loro case e fuggire dal villaggio».

«Per celebrare il macabro omicidio, gli abitanti del villaggio hanno preparato una festa», ha detto angosciato, il cugino di Sambaru. «Gli abitanti del villaggio il giorno dopo hanno saccheggiato uno dei maiali di Sambaru e due quintali di riso dalla sua casa e sono andati nella giungla, dove hanno cucinato il maiale e il riso e hanno festeggiato ‘Odia Bhoji‘ (una festa con cibo dello stato di Odisha)».

FALSA PROPAGANDA

I media locali hanno ripetuto la falsa accusa di “magia nera” come movente dell’omicidio, che nella mente di molti abitanti del villaggio giustifica un orribile omicidio. Il pastore Pusuru ha detto che l’acqua potabile contaminata ha causato i recenti decessi nel villaggio, come i canali di informazione locali avevano riferito prima dell’omicidio. «L’accusa di cristiani che praticano la magia nera come causa delle morti è stata in seguito inventata come tentativo di giustificare l’uccisione», ha detto.

Il reverendo Vijayesh Lal, segretario generale dell’Evangelical Fellowship of India (EFI) ha detto che il suo cuore è addolorato per la famiglia. «Il modo in cui Sambaru è stato ucciso è stato orribile”», ha dichiarato a Morning Star News. «Una giovane vita promettente è stata spazzata via a causa dell’odio che sembra aver permeato l’anima stessa di questa nazione penetrando nella base».

«Il tentativo di far rientrare la vittima nelle storie inventate di stregoneria, è un indicatore dell’ostilità che persiste contro la comunità cristiana, minoritaria in India», ha detto. «So che il sacrificio di Sambaru non sarà vano. Solo Dio può farne uscire del bene e la mia preghiera è che lo faccia».

Il pastore Madkami, 27 anni, che ha iniziato a visitare Kenduguda nel 2018 e che guidava le borse di studio della domenica e del venerdì a casa di Sambaru, ha detto che gli abitanti del villaggio lo hanno minacciato molte volte dicendogli di smettere di visitare il loro villaggio per la preghiera e la comunione. «Avevano pianificato di attaccarmi diverse volte ma in qualche modo Dio mi ha salvato. Avevo molta paura di andare al loro villaggio. Anche se i nostri incontri programmati erano ogni domenica e venerdì, ci sono stati mesi in cui ci andavo solo due volte al mese il venerdì temendo l’attacco degli abitanti del villaggio».

La chiesa avrebbe adorato in silenzio, astenendosi dal cantare, e lui sarebbe venuto in visita per soli 30 minuti e se ne sarebbe andato immediatamente. «L’intero villaggio era contro le famiglie cristiane e le minacciava di tanto in tanto cercando di costringerle ad abbandonare il cristianesimo», ha detto il pastore Madkami. Da parte sua, il pastore Pusuru ha detto di essersi lamentato due volte alla stazione di polizia di Malkangiri per le crescenti minacce contro i cristiani del villaggio senza alcun effetto.

IL RICORDO

«In un’età così giovane, Sambaru aveva un grande zelo per Dio e per il servizio al popolo di Dio», ha detto il pastore Pusuru in lacrime. Il pastore Madkami ha detto che Sambaru era una grande anima. «Sambaru era il mio capo dei giovani della chiesa. È stato selezionato anche per il ministero dei bambini. Serviva i bambini ogni volta che veniva nella mia chiesa».

Shibu Thomas, fondatore del gruppo di sostegno e di aiuto Persecution Relief, ha detto che l’omicidio ha messo a nudo la mentalità e l’atteggiamento dei fanatici religiosi di oggi. «Questo deve essere di gran lunga il caso più inquietante di persecuzione cristiana che abbia incontrato negli ultimi quattro anni», ha detto a Morning Star News. «Sono sbalordito dalla natura brutale del crimine».

Dibakar Parichha, segretario della Commissione Diocesana per la Giustizia, la Pace e lo Sviluppo dell’arcidiocesi di Cuttack-Bhubaneshwar, ha detto che non è accettabile che tali crimini continuino a verificarsi durante la pandemia del coronavirus. «Il governo dovrebbe intraprendere l’azione più dura nei confronti dell’autore del crimine in modo che la pace possa essere portata nella località».

Lal ha detto che la Commissione per la libertà religiosa dell’EFI ha registrato almeno 10 episodi di persecuzione contro i cristiani nello stato di Odisha, quest’anno. L’11 giugno, due avvocati del Human Rights Law Network hanno visitato la famiglia di Sambaru, così come gli altri due cristiani presi di mira, e hanno registrato le loro dichiarazioni. Il team dell’HRLN, coadiuvato dagli avvocati locali, prevede di presentare una petizione all’Alta Corte di Odisha per un’indagine di alto livello, sul caso.

La Commissione statunitense per la libertà religiosa internazionale del 28 aprile ha esortato il Dipartimento di Stato americano ad aggiungere l’India come “Paese di particolare preoccupazione” alla lista delle nazioni con una scarsa tradizione di protezione della libertà religiosa. L’India si è classificata al decimo posto nella “World Watch List 2020” dell’organizzazione di sostegno ai cristiani, Open Doors 2020, tra i Paesi in cui è più difficile essere cristiani. Il Paese era 31° nel 2013 ma la sua posizione è peggiorata da quando Narendra Modi, del Bharatiya Janata Party, è salito al potere nel 2014.

Fonte: Christian Headlines

Tag

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close