Esteri

In Sudan vietate le mutazioni genitali femminili

Il Sudan ha vietato e criminalizzato le mutilazioni genitali femminili (MGF), ovvero le procedure che prevedono il taglio o la rimozione totale dei genitali esterni.

Il nuovo emendamento alla legge penale è stato approvato dieci giorni fa e prevede una pena detentiva di tre anni per i trasgressori.

Il Sudan è una delle nazioni dell’Africa in cui si ritiene le MGF sono molto diffuse, proibite anche in altri Paesi dell’Africa come Kenya, Liberia, Egitto, Etiopia, Ghana e Nigeria.

A decidere per la penalizzzione delle MGF è stato il governo di transizione, entrato in carica lo scorso anno, sottolineando che le nuove norme saranno in linea con una dichiarazione costituzionale sui diritti e le libertà.

Secondo il ministero degli esteri di Khartoum, la decisione rappresenta «uno sviluppo positivo importante».

LEGGI ANCHE: Pastori Fulani rapiscono una coppia di sposi e uccidono dei cristiani.

Tag

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close