Gender

In Israele, il “no” del Parlamento alla terapia di “conversione gay”

Nel 2019 l'approvazione della terapia dal ministro dell'Istruzione, Rafi Peretz ha suscitato disapprovazione.

I deputati israeliani hanno preso provvedimenti per mettere fuori legge la pratica della terapia di “conversione gay“, da parte degli psicologi, il primo paese del Medio Oriente a farlo. Un disegno di legge ha superato la sua prima fase in parlamento, dopo che due partiti del governo di coalizione si sono uniti all’opposizione, per votare a favore.

L’anno scorso, l’allora ministro dell’Istruzione israeliano ha approvato la terapia, scatenando una reazione. Il disegno di legge rischia una crisi politica, con i partiti religiosi insoddisfatti della mossa. Dopo il voto, l’ultra-ortodosso “Ebraismo Unito della Torah” (UTJ), che fa parte del fragile governo di unità nazionale ha minacciato di introdurre progetti di legge che il centrista Blu e Bianco, anch’esso membro del governo, troverebbe discutibili.

Il termine “terapia di conversione” si riferisce a qualsiasi forma di trattamento o psicoterapia che mira a cambiare l’orientamento sessuale di una persona o a sopprimere l’identità di genere di una persona. La pratica è ampiamente osteggiata per motivi logici, etici e morali. All’inizio di questa settimana, il premier britannico Boris Johnson ha definito il presunto metodo, “assolutamente ripugnante”, dicendo che i piani per vietarlo, nel Regno Unito sarebbero stati portati avanti.

L’opposizione Nitzan Horowitz, leader del partito Meretz, co-autore del disegno di legge, ha detto che il suo passaggio preliminare ha segnato un “cambiamento storico” in Israele. Il leader bianco e blu e il primo ministro alternativo Benny Gantz hanno accolto con favore il risultato. «La terapia di conversione è nata nel peccato e il suo posto è al di fuori della legge e della norma pubblica», ha twittato.

«Faremo in modo che tutti, di ogni estrazione e orientamento sessuale, in Israele, abbiano libera scelta e sicurezza sulla propria identità». L’anno scorso, l’allora ministro dell’Istruzione Rafi Peretz ha suscitato indignazione quando ha pubblicamente condonato la terapia di “conversione gay”.

Il primo ministro Benjamin Netanyahu ha definito le sue osservazioni “inaccettabili”. Israele ha l’atteggiamento più progressista nei confronti delle persone LGBTQ in Medio Oriente, nonostante l’opposizione di alcuni settori conservatori della società. Sono protetti da leggi antidiscriminazione, hanno diritto all’adozione e all’eredità dello stesso sesso, e sono autorizzati a prestare servizio militare dal 1993. Il Paese ha un numero record di parlamentari, apertamente gay, e l’anno scorso ha nominato il suo primo ministro gay.

Fonte: BBC News

Leggi anche: Israele, scoperto un tempio vicino a quello di Salomone

Tag

Articoli correlati

Un commento

  1. Sorprendono i toni dell’articolo, evidentemente schierato con l’ideolologia di regime, benchè la testata sia asseritamente “controcorrente”.
    “Il termine “terapia di conversione” si riferisce a qualsiasi forma di trattamento o psicoterapia che mira a cambiare l’orientamento sessuale di una persona o a SOPPRIMERE l’identità di genere di una persona”. L’identità di genere non ha nulla di oggettivo, è il mero autoconvincimento di appartenere al genere maschile o femminile o ad altro ancora, anche in difformità dal sesso effettivo, quello biologico. Quindi non si sopprime nulla ma si sostituisce l’identità di genere della persona con altra corrispondente al sesso effettivo. Si porta l’individuo a riappacificarsi col proprio sesso.

Rispondi

Back to top button
Close