Esteri

In Iran ora i Cristiani rischiano anche la pena di morte

L'adesione viene considerata "setta". Con accusa di "manipolazione psicologica deviante" o "propaganda contro l'Islam"

Lo scorso 20 maggio, il Parlamento iraniano ha approvato gli emendamenti agli articoli 499 e 500 del Codice Penale islamico, che prevedono sanzioni contro i colpevoli di “manipolazione psicologica deviante“, o “propaganda contraria all’Islam“, nella “sfera reale o virtuale”.

Queste persone vengono riclassificate come “sette”, e sono soggette a sanzioni che vanno dalle multe e dalla fustigazione, alla reclusione e persino alla pena di morte.

L’avvocato per i diritti umani in esilio nei Paesi Bassi, Hossein Ahmadiniaz, ha reagito a questa nuova legislazione con osservazioni che sono riprodotte nell’articolo 18, che recita così: «La legge dovrebbe proteggere i cittadini, compresi i convertiti cristiani e i Baha’is, contro il governo. Ma in Iran, la legge è diventata uno strumento per giustificare il trattamento violento del governo nei confronti dei convertiti e di altre minoranze, non riconosciute».

E continua: «L’ho visto in diverse occasioni, quando difendevo i prigionieri di opinioni religiose, come i musulmani sunniti o i convertiti cristiani. Possono usare leggi come questa per esercitare la loro oppressione e poi dire: “Agiamo in conformità con la legge”».

Il rappresentante dell’Organizzazione Internazionale per la Protezione dei Diritti Umani (IOPHR), Hamid Gharagozloo, è intervenuto di recente su questo argomento, dicendo quanto segue: «Rendendo un crimine, l’appartenenza ad una setta e vietando un gruppo come ‘setta’, permette loro di annientare qualsiasi forma di rivolta o di insoddisfazione contro il governo. Qualsiasi forma di sfida sarà etichettata come ‘setta’, e poi sarà punita dalla legge».

Nel suo ultimo rapporto, l’USCRIF ha nuovamente inserito l’Iran nella lista dei Paesi “particolarmente preoccupati”, denunciando la sistematica repressione delle minoranze religiose, da parte del governo.

Fonte: Info Chrétienne

Leggi anche: L’appello di Macron: “Iral liberi subito Fariba Adelkhah”

Tag

Articoli correlati

Rispondi

Back to top button
Close