GenderIn evidenza

In Germania: “Illegale aiutare i bambini a superare la confusione di genere”

Multe salate e pene esemplari per chi si opporrà alla decisione presa dal governo tedesco: è illegale aiutare i bambini a superare le attrazioni verso lo stesso sesso.

Il 18 dicembre, il gabinetto tedesco ha approvato una legge che vieta la ‘terapia’ che sostiene i bambini che attraversano un periodo di confusione riguardo al proprio sesso. Le cure mediche o psicologiche intese a cambiare o curare l’orientamento sessuale di un giovane o l’identità di genere prescelta saranno illegali quando la legge entrerà in vigore nell’estate del 2020. Tuttavia, tale trattamento sarà ancora consentito agli adulti che acconsentono liberamente alle cure.

Secondo il portale di notizie Schweringer Volkszeitung, il ministro della sanità tedesco, Jens Spahn, ha affermato che gli interventi medici per riorientare la sessualità non dovrebbero essere definiti ‘terapia’, poiché dietro tali cure riparative ci sono spesso gravi sofferenze fisiche e mentali.

«L’omosessualità non è una malattia. Pertanto, il termine terapia è fuorviante» , ha dichiarato il ministro.
Genitori e tutori sono ora avvisati. Se intenti a ricercare una terapia riparativa per propri figli verranno accusati di una ‘grave violazione’ del loro dovere di prendersene cura. La violazione della legge, quindi, comporterà un anno di reclusione o ingenti multe. Tuttavia, alcuni trattamenti sui bambini saranno ancora consentiti se volte a combattere l’esibizionismo e la pedofilia. Vi è anche il divieto di pubblicizzare questi servizi ai minori di 18 anni e la violazione del divieto potrebbe costare all’autore del reato 30.000 euro.

Negli Stati Uniti, le persone che hanno rinunciato all’omosessualità si oppongono alla criminalizzazione dell’aiuto professionale. A novembre ex gay, lesbiche e transgender uomini e donne si sono incontrati a Washington, DC per sollecitare i membri del Congresso a non sostenere il cosiddetto Equality Act e Terapeutic Fraud Prevention Act che impedirebbero ad altri nella loro stessa condizione di cercare aiuto a sfuggire allo stile di vita LGBT.

Essi sostengono che la condizione omosessuale spesso viene innescata da fattori traumatici infantili come abusi sessuali o emotivi, depressione o disfunzioni familiari, perciò chiedono a gran voce che non si rinunci all’aiuto professionale e pastorale.

«L’America ha bisogno di sapere che esiste un’alternativa all’esperienza LGBTQ, ciò dovrebbe avere un impatto sul modo in cui il nostro congresso agirà riguardo la legislazion » , ha dichiarato Elizabeth Woning, cofondatrice di Changed, un movimento in crescita di ex uomini e donne gay, lesbiche e transgender. Oggi, la donna è sposata con suo marito da 14 anni e non vive più l’attrazione per lo stesso sesso. La sua esperienza è un chiaro esempio di necessità al sostegno: seguendo un percorso alternativo attraverso la consulenza professionale o il discepolato basato sulla fede, ha potuto raggiungere livelli di integrità e realizzazione che hanno portato lei, e tanti ex omosessuali al cambiamento di opinione.

Filippa Tagliarino

LEGGI ANCHE: Cuba, reazioni ostili contro la lettura pubblica della Bibbia

Tag

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close