In Germania il ‘furto del secolo’: rubati gioielli da un miliardo di euro

di VoceControCorrente

Gioielli antichi e molto preziosi, per un valore totale di circa un miliardo di euro, sono stati rubati nella sala delle Gruene Gewoelbe, le celeberrime Volte verdi del Castello di Dresda, in Germania.

Lo ha confermato la polizia tedesca, citata dalla Bild, che parla del «più grande furto d’arte nella storia del dopoguerra». Secondo quanto confermato dagli agenti tedeschi, gli autori del furto sono ancora in fuga.

I ladri, come riportato dalle agenzie, avrebbero sottratto ‘soltanto’ i gioielli antichi, lasciando sul posto altri oggetti di grande valore ma ingombranti, come vasi e dipinti.

Al Castello di Dresda sono arrivate decine di automobili delle forze di sicurezza, che hanno cordonato e circondato l’edificio.

LEGGI ANCHE: Kazakistan, pregano per i malati: condannati.

La camera della Gruene Gewoelbe fu fatta costruire dall’elettore sassone Augusto il Forte (1670-1733) tra il 1723 e il 1730 e oggi è stata trasformata in un museo in due sezioni. La parte storica si trova al piano terra della Residenzschloss nelle sale della collezione restaurate in modo autentico. Un piano più in alto, la Nuova Volta Verde che ospita singoli pezzi speciali.

LEGGI ANCHE: Quanto costa mangiare al ristorante dello chef Giancarlo Perbellini?

«Inutile dire quanto siamo scioccati dalla brutalità di questo furto», ha affermato Marion Ackermann, direttrice delle collezioni artistiche statali di Dresda, in una conferenza stampa dopo il maxi-furto: «Speriamo che non trovino mercato», ha aggiunto. Secondo Ackerman «non c’è in nessuna parte d’Europa una collezione analoga. «proprio il valore del suo insieme ad essere incalcolabile».

.

[efb_likebox fanpage_url=”https://www.facebook.com/vocecontrocorrente/” box_width=”300″ box_height=”300″ locale=”it_IT” responsive=”0″ show_faces=”1″ show_stream=”0″ hide_cover=”0″ small_header=”0″ hide_cta=”0″]

.

Uno dei pezzi di maggior valore, il diamante di 41 carati, il Verde di Dresda, unico al mondo, è attualmente in mostra al Metropolitan a New York.

LEGGI ANCHE: 5 segni sulle gambe che non vanno trascurati.

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un 'Mi Piace' sulla nostra pagina Facebook!

Articoli Correlati