Esteri

In Filippine gli attacchi alle chiese sono continui

L’ anno scorso, durante diversi attacchi ad una chiesa cattolica dell’Isola di Jolo, nel sud delle Filippine, da parte dal gruppo Abu Sayyaf, affiliato allo Stato islamico, sono morte una ventina di persone e un centinaio ne sono rimaste ferite.

Nonostante i media non ne parlano più da tempo, gli abitanti di Jolo ne sono rimasti gravemente traumatizzati. Per  aiutare i sopravvissuti a superare il trauma l’agenzia missionaria cristiana internazionale Porte Aperte ha creato delle iniziative mirate.
«Anche se si comincia in maniera giocosa – afferma un membro dello staff – dopo pochi minuti, le lacrime vengono giù e le persone cominciano a raccontare molto dettagliatamente gli attacchi…».

LA TESTIMONIANZA DI UNA DONNA CHE HA PERSO LA FIGLIA E LE PROPRIE GAMBE

Durante gli attentati, una donna, madre di quattro figli, ha perso le gambe e una figlia. «La gente – racconta la donna – mi dice che va tutto bene perché i miei altri tre figli sono ancora vivi… ma io ho perso una figlia. I figli possono continuare a vivere anche senza la propria madre. Ma non sono sicura che il contrario sia possibile. È un dolore troppo grande».

LEGGI ANCHE: Nigeria, i cristiani muoiono e nessuno fa niente.

IL RACCONTO DI MARK: «QUEL GIORNO ERA IL MIO COMPLEANNO…»

Quel 27 gennaio, quando le due bombe sono esplose in quella chiesa, era il compleanno di Mark. Quell’attentato ha ucciso, tra le altre altre persone, anche la madre della sua fidanzata. Un anno dopo, Mark racconta: «Pensando a quanto successo, non ho molta voglia di festeggiare il mio complanno».

HADASSAH DI PORTE APERTE: «UN ATTACCO IMPROVVISO»

«Nessuno si aspettava un simile attacco», ha detto Hadassah, membro di Porte Aperte, che, a causa di quell’esplosione, ha perso un amico. «Una bomba – racconta Hadassah – è esplosa all’interno della stessa chiesa durante le funzioni religione. Chi si sarebbe aspettato tutto questo, in un paese con un’alta percentuale di cristiani?».

PREVISTI NUOVI ATTACCHI

A quanto pare, i militari dello Stato islamico stanno usando il sud- est dell’Asia come zona di ritiro e riorganizzazione, in vista di nuovi attacchi nelle Filippine.

Gabriele Giovanni Vernengo

Tag

Gabriele Giovanni Vernengo

Classe 94', amante della cultura e dell'arte. Fermo nei propri valori e nella sua fede cristiana, porta avanti il proprio talento tramite la poesia e il giornalismo, definite da lui stesso come «missioni» e/o « vocazioni».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close