Esteri

In Camerun è stato ucciso un altro traduttore della Bibbia dagli estremisti islamici

Due mesi dopo l’uccisione di Angus Fung, un altro traduttore della Bibbia è stato ucciso nel Camerun dai Fulani, pastori estremisti islamici.

La vittima è Benjamin Tem, che lavorava nello stesso progetto di traduzione di Fung, ucciso domenica scorsa, 19 ottobre.

Come riportato su Faithwire.com, il Camerun settentrionale è tormentato dalla violenza tra la comunità anglofona e il governo centrale. Sebbene il Paese sia bilingue, alcuni settori della popolazione di lingua inglese si sentono discriminati, in particolare quando si tratta di rappresentanza nel governo.

Mentre le forze di sicurezza sono state in grado di reprimere le proteste scoppiate nel 2016, da allora è emerso un gruppo separatista armato in lingua inglese. Il conseguente conflitto tra le forze governative i militanti alleati da un lato e i separatisti dall’altro ha causato la morte di 2000 civili e oltre mezzo milione sono stati gli sfollati.

International Christian Concern ha riportato che l’attacco è stato perpetrato da «militanti Fulani a cui è stato ordinato dal governo di attaccare qualsiasi individuo o gruppo che aiuti i separatisti».

«Se è vero che il governo del Camerun ha assunto mercenari per attaccare la propria gente, allora devono essere ritenuti responsabili», ha osservato l’associazione che si occupa dei cristiani perseguitati, aggiungendo che «permettere ai gruppi di attaccare i villaggi, distruggere le case e uccidere le persone non dovrebbe mai essere giustificato. Questo è un atto illecito da parte del governo contro i propri cittadini, se è vero».

Sempre domenica scorsa un sacerdote responsabile di diverse organizzazioni benefiche cattoliche è stato arrestato dalla polizia, scatenando molta indignazione. Padre Paul Njokikang è stato arrestato dopo aver celebrato la messa a Mbinfibe, vicino a Bamenda, la capitale della regione nord-occidentale del Camerun, come riportato da Crux.

«Non è stato ancora avanzato motivato il suo arresto», ha detto il vescovo ausiliare Michael Bibi. «Solo quando il Padre verrà rilasciato  scopriremo perché è stato arrestato», ha aggiunto.

Nell’ottobre dello scorso anno, un missionario americano è stato ucciso a colpi di arma da fuoco poco dopo il suo arrivo in Camerun insieme a moglie e figli. Charles Wesco è stato ucciso da una raffica di spari.

Leggi anche: Ragazza bruciata viva in Bangladesh: 16 condannate a morte.

Tag

Articoli correlati

Back to top button
Close