Esteri

Il Cirque du Soleil dichiara il fallimento

5 mila persone senza lavoro.

Il Cirque du Soleil, il circo più famoso al mondo, ha deciso di fare ricorso alla bancarotta controllata per ristrutturare il suo debito. Dopo un lungo periodo di inattività della struttura, è arrivata la decisione. Nelle scorse settimane, la struttura aveva annullato già 44 spettacoli, lasciando senza lavoro il 95% del proprio personale, pari a circa 5 mila persone.

«Bancarotta per tutelare il futuro della società. Negli ultimi 36 anni il Cirque du Soleil è stata un’organizzazione di grande successo. Con i ricavi zero legati alla forzata chiusura di tutti gli spettacoli per il Covid-19, il management ha deciso di agire in modo deciso per tutelare il futuro della società – ha dichiarato Daniel Lamarre, il presidente e amministratore delegato di Cirque du Soleil Entertainment Group – Non vediamo l’ora di rilanciare le nostre attività e trovarci di nuovo insieme per creare quel magico spettacolo che il Cirque du Soleil è per i suoi milioni di fan nel mondo»

Il Cirque du Soleil fu fondato nel 1984 dalle parti di Montreal, in Canada. Come ha spiegato il New York Times, è sempre stato un circo senza animali e in cui venivano presentate «acrobazie, danze, costumi sfarzosi, musica dal vivo e tanto altro.

Nel 2015 aveva cambiato proprietà quando il fondatore Guy Laliberté aveva ceduto le sue quote a un fondo di investimento, aveva ricevuto di recente dai suoi principali azionisti una ricapitalizzazione di 50 milioni di dollari.

Daniel Lamarre, amministratore delegato del circo, aveva comunque fatto sapere che l’azienda stava prendendo in considerazione ogni ipotesi, compreso il fallimento.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, l’allarme di un imprenditore: “Lo Stato rischia di farmi chiudere”

Tag

Gabriele Giovanni Vernengo

Classe 94', amante della cultura e dell'arte. Fermo nei propri valori e nella sua fede cristiana, porta avanti il proprio talento tramite la poesia e il giornalismo, definite da lui stesso come «missioni» e/o « vocazioni».

Articoli correlati

Rispondi

Back to top button
Close