Il candidato sindaco M5S è contrario all’aborto, il movimento lo censura?

di VoceControCorrente

I vertici grillini avrebbero già stoppato la sua candidatura.

Caos nel Movimento 5 Stelle sardo, che si appresta a presentare le liste per le elezioni amministrative del prossimo giugno a Cagliari. Qui, i pentastellati dovrebbero correre a sostegno di Alessandro Murenu, classe 1961, cardiochirurgo. Adesso però, sia la candidatura dell’aspirante sindaco sia quelle per il Consiglio comunale potrebbero essere annullate dai vertici grillini, almeno secondo quanto riferisce “Sardinia post”.

A pesare sulla decisione di Luigi Di Maio ci sarebbe la rivolta della base del Movimento contro lo stesso Murenu, colpevole di sostenere posizioni troppo distanti al Movimento. Il cardiochirurgo, infatti, si è lasciato recentemente andare in dichiarazioni forti contro l’aborto e contro le unioni tra omosessuali. Posizioni, queste, che hanno scatenato le furie dei grillini, ormai sempre più vicini alla sinistra laicista.

L’aspirante sindaco pentastellato – il  9 aprile – aveva condiviso su Facebook un post che recitava: “Chiamare l’aborto un diritto della donna è come chiamare la lapidazione femminile un diritto dell’uomo“.  Poi, secondo quanto riportato da “Today.it”, bordate contro le unioni tra omosessuali “Non possono essere ritenute omogenee al matrimonio“.

Ora la posizione del candidato sembrerebbe essere diventata così grave, da spingere il capo politico grillino a fermarne la campagna elettorale. Sul sito del Movimento, infatti, la lista di aspiranti consiglieri comunali di Cagliari è stata totalmente rimossa, mentre compaiono ancora quelle relative agli altri comuni sardi che andranno al voto nello stesso giorno. Un segnale, questo, che molti hanno colto come un vero e proprio “scaricamento” di Di Maio verso lo stesso Murenu.

 

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un 'Mi Piace' sulla nostra pagina Facebook!

Articoli Correlati