CronacaToscana

“Grazie per il Covid che tutti i giorni ci porti”, messaggio shock a un’infermiera

Il fatto è accaduto a Lucca.

L’Asl Toscana Nord Ovest esprime la propria solidarietà nei confronti dell’infermiera dell’ospedale San Luca di Lucca che nei giorni scorsi si è vista recapitare nella cassetta delle lettere dell’appartamento dove vive con la scritta «Grazie per il Covid che tutti i giorni ci porti in corte. Ricordati che ci sono anziani e bambini, grazie».

In una nota la Direzione aziendale e il Dipartimento infermieristico e ostetrico si dicono «vicini all’infermiera Damiana Barsotti che si è vista trattata come un’untrice e non come un’operatrice sanitaria che giornalmente si reca al lavoro per combattere, per tutti noi, la difficile battaglia contro il virus».

«Tali comportamenti – si legge ancora nella nota della ASL – non solo sono discriminatori ma dimostrano come il cammino verso la civiltà sia ancora lungo, nonostante il momento difficile che l’intero pianeta sta vivendo. Piena solidarietà, quindi, verso tutti gli operatori sanitari e verso tutti coloro che, a diverso titolo, si occupano di far funzionare al meglio la complessa macchina sanitaria, sacrificando affetti e, spesso, la propria salute».

LEGGI ANCHE: Palermo, casa di cura per anziani ha sbarrato la porta al coronavirus.

Il viceministro della Salute, Paolo Sileri, su Facebook ha scritto: «Ai vicini dei colleghi che tornano tardi dopo turni estenuanti, che non possono baciare la moglie e i figli, che magari hanno pianto per un paziente morto, o che magari hanno annunciato l’ennesimo decesso o incubazione, chiedo quante volte vi è stata utile quell’infermiera o quel medico che vi abita accanto. Vergognatevi».

E ancora: «Assurdo semplicemente pensare ad una cosa del genere. Solidarietà alla collega. Chiedo ai colleghi: quante volte quel vicino vi ha chiamato per avere una visita, un aiuto, per il figlio che era caduto, per la madre che aveva un problema».

LEGGI ANCHE: In arrivo 8 milioni e mezzo di cartelle esattoriali.

Tag

Articoli correlati

Rispondi

Back to top button
Close