Giornata Mondiale del Diabete: consigli utili per la prevenzione della malattia

di Gina Lo Piparo

Dal 1991 la GMD porta al centro dell’opinione pubblica una patologia spesso diagnosticata in fase avanzata: il diabete. Ecco le attività previste.

Il 14 novembre è la Giornata Mondiale del Diabete – o, più semplicemente, GMD -, appuntamento nato nel 1991 su iniziativa della Federazione Internazionale del Diabete (IDF) e dell’ Organizzazione Mondiale della Sanità.

Lo scopo è quello di sensibilizzare verso una patologia troppo spesso ignorata e diagnosticata in fase avanzata: come riporta Diabete.com, in Italia ad 1 persona su 3 il diabete non è stato diagnosticato, mentre una diagnosi precoce sarebbe utile ai fini di prevenire o ritardare le complicanze croniche che accompagnano questa malattia e che colpiscono la vita del malato e della sua famiglia.

Proprio quest’ultima è al centro dell’appuntamento di quest’anno, intitolato “Diabete e Famiglia” per sottolineare l’importanza del contesto familiare nella prevenzione e gestione della patologia. Imparare e mantenere un corretto stile di vita, migliorare la gestione del diabete tipo 1 ed evitarne le complicanze, prevenire il sovrappeso e l’obesità (fattori di rischio del diabete tipo 2 anche in età pediatrica) sono tutte attività che trovano nella famiglia il proprio nucleo fondamentale d’attuazione. Le stime riferiscono che addirittura fino all’80% dei casi di diabete tipo 2 possono essere prevenuti con uno stile di vita sano e attenzione ai campanelli d’allarme.

Le iniziative attive dal 4 al 17 novembre in tutta Italia hanno lo scopo di informare e dare suggerimenti, indicazioni e materiale informativo; nei gazebo e nei banchetti organizzati, i volontari aiuteranno inoltre i cittadini, attraverso un semplice questionario, a valutare il rischio di sviluppare la malattia nei prossimi anni.

Molti Servizi di diabetologia, ambulatori di Medici di Medicina Generale (MMG) e oltre 200 farmacie aderenti ad Assofarm effettueranno lo screening nei soggetti a rischio, mentre presso diversi Consultori sul territorio sono stati organizzati incontri di sensibilizzazione ed informazione. Non mancheranno poi le conferenze stampa, i convegni, gli incontri con le autorità locali, gli spettacoli, le iniziative sportive e l’accensione di diversi monumenti italiani con la caratteristica illuminazione blu. L’elenco aggiornato, per ogni località, è consultabile qui.

LEGGI ANCHE: Ecco quale malattia sta uccidendoo nei paesi ricchi.

CONSIGLI PER PREVENIRE IL DIABETE

Ma quali sono i consigli da mettere in atto per uno stile di vita che prevenga la malattia?

Sicuramente, una dieta che eviti bevande gassate e zuccherate, dolciumi e cibo da fast food è un buon inizio. Privilegiare frutta, verdura e, in generale, cibi ricchi di fibre è poi un ottimo modo per tenere sotto controllo i livelli di zucchero nel sangue.

Poi: praticare attività fisica e prestare attenzione al peso corporeo; limitare il consumo di formaggi, ma anche di insaccati e carne rossa, giacché l’eccessiva assunzione di grassi saturi accresce le probabilità di ammalarsi; preferire legumi e pesce che, rispetto alla carne, contengono meno grassi; evitare il fumo, anche quello passivo; preferire il cioccolato fondente e i carboidrati integrali.

L’olio extravergine non è vietato, ma in quantità moderate, mentre liquori e vino vanno evitati (consentiti al massimo 1/2 bicchieri di vino al giorno).

Infine, fare attenzione al controllo della glicemia (se è tra 100 e 125 mg/dl, andrebbe rimisurata ogni 6-12 mesi), alla presenza di un genitore o fratello con diabete di tipo 2 (caso in cui è consigliabile, dopo i 30 anni, iniziare a misurare la glicemia annualmente) e all’età, poiché dopo i 45 anni è consigliabile controllare la glicemia e, se i valori sono nella norma, ripetere entro tre anni le analisi.

È bene consultare il medico, infine, se si notano sintomi come eccessiva sete e bisogno di urinare, diminuzione drastica del peso, vista annebbiata ed estremità intorpidite.

Gina Lo Piparo

LEGGI ANCHE: L’incubo di Giada De Blanck: perseguitata da uno stalker.

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un 'Mi Piace' sulla nostra pagina Facebook!

Articoli Correlati