Esteri

Germania: ripartite le celebrazioni religiose ma attenzione al canto e ai cori

Riprendono i culti religiosi in Germania, ma con diverse limitazioni.

In Germania i culti religiosi hanno già ripreso la propria attività, seppur con alcune significative limitazioni: numeri esigui per evitare assembramenti, distanziamento sociale e divieto a canti e cori.

L’incontro tra la cancelliera Angela Merkel e i presidenti dei Länder, tenutosi il 30 aprile, ha stabilito di prolungare le limitazioni ma di consentire lo svolgimento delle celebrazioni religiose, che già dall’inizio del mese hanno ripreso dunque a svolgersi più o meno regolarmente.

Sebbene con alcune varianti, la regola generale è quella di prevenire assembramenti di fedeli, soprattutto in relazione alla grandezza dell’edificio, e di evitarne i contatti: divieto alla comunione direttamente in bocca, allo scambio del segno della pace e ai canti.

Un recente rapporto, infatti, ha mostrato che dei 78 cantanti della Cattedrale di Berlino, 59 hanno contratto il Coronavirus, nonostante le precauzioni. Lothar Wieler, presidente del Koch Institute e responsabile per il controllo delle malattie, è dunque stato chiaro: è bene prestare attenzione al canto della comunità, per lo meno in questa fase.

Dove i canti comunitari sono stati, invece, consentiti, sono comunque soggetti a limitazioni e sottoposti al divieto per quanto riguarda i cori. I microfoni, così come l’arredo liturgico, devono essere maneggiati da una sola persona e disinfettati alla fine della messa.

Gina Lo Piparo

LEGGI ANCHE: Germania, riaprono le Chiese ai fedeli per le messe

Tag

Gina Lo Piparo

Laureata in Scienze dell'antichità, ama la natura, i viaggi, la poesia, l'arte, la scrittura e Dio, fonte di tutte queste cose. Missionaria, crede nei valori cristiani, che intende come uno stile di vita concreto, reale e rivoluzionario.

Articoli correlati

Rispondi

Back to top button
Close