Cultura & Scienze

Galilea, scoperti i resti di una chiesa nel luogo della trasfigurazione di Gesù

L'edificio risale a 1300 anni fa. La scoperta è avvenuta durante la costruzione di un parco giochi per bambini

I resti di una chiesa vecchia di 1300 anni sono stati scoperti vicino al Monte Tabor, in Galilea, nella città di Kfar Kama. Questo luogo è identificato come il luogo della trasfigurazione di Gesù. La scoperta arricchirà le conoscenze esistenti su questo insediamento cristiano, in Galilea, durante il periodo bizantino.

Fu durante la costruzione di un parco giochi per bambini che fu fatta questa scoperta. Si tratta di una chiesa costruita nel VI secolo, che è il culmine della costruzione di chiese in Galilea. Nurit Feig, un archeologo della Israel Antiquities Authority descrive la chiesa, in una dichiarazione al Ministero degli Affari Esteri israeliano. E dice così: «La chiesa, che misura 12 × 36 metri comprende un ampio cortile, un foyer a nartece e un salone centrale. L’esistenza di tre absidi (nicchie di preghiera) è peculiare di questa chiesa, mentre la maggior parte delle chiese erano caratterizzate da un’unica abside. La navata centrale e le navate laterali sono state pavimentate con mosaici in parte sopravvissuti. La loro decorazione colorata si distingue, incorporando motivi geometrici e motivi floreali blu, neri e rossi. Il piccolo reliquiario, una scatola di pietra utilizzata per conservare le reliquie sacre, è stato un ritrovamento speciale».

Questa scoperta rivela l’importanza del villaggio cristiano nel periodo bizantino. Gli esperti ritengono che possa essere stato un monastero. Il professor Moti Aviam, del Kinneret Academic College, che era associato all’Autorità delle Antichità d’Israele per gli scavi, spiega che sta cercando il collegamento tra la città e i monaci. E dice così: «La nostra ricerca sta cercando di trovare il legame tra la città-villaggio e l’entroterra. Se Kfar Kama nell’antichità era una città importante, qual è il legame con i villaggi circostanti? Qual è il legame tra la città e i monaci?».

Se il sito dovesse diventare un parco giochi, gli esperti sperano di poter salvare i resti e lasciare che i bambini li contemplino. In ogni caso, questi resti del VI secolo non hanno finito di svelare i loro segreti perché restano da scavare diverse stanze.

Fonte: Info Chrétienne

Leggi anche: Scoperta in Galilea città cristiana distrutta dai persiani

Tag

Articoli correlati

Rispondi

Back to top button
Close