CronacaLombardia

Frecciarossa deraglia in Lombardia: morti i due macchinisti, 30 feriti

Si indaga sulle cause dell’incidente. Nessuno dei feriti è in pericolo di vita.

Due morti e trenta feriti: ecco il bilancio delle vittime causate dal deragliamento del treno Frecciarossa Av 9595 Milano-Salerno, all’altezza di Livraga (Lodi), sulla linea ad alta velocità Milano-Bologna. Le cause dell’incidente sono ancora da chiarire, ma nessuno dei feriti è in pericolo di vita.

«Poteva essere una carneficina – ha dichiarato il prefetto di Lodi, Marcello Cardona, ad ANSA -. La ministra Paola De Micheli sta andando sul posto. La procura di Lodi ha aperto un’inchiesta».

Il treno, partito alle 5.10 di stamani dalla stazione Centrale di Milano, era il primo del mattino. A bordo, 28 passeggeri più il personale di Trenitalia. A causa dell’impatto alcune auto si sono ribaltate, causando due codici gialli, venticinque codici verdi e due morti, i due macchinisti rispettivamente di 51 e 59 anni.

I feriti sono stati trasportati negli ospedali più vicini, come ha spiegato Angelo Borrelli, capo della Protezione civile, a Sky: «Si sono mosse tutte le forze possibili. Non ho elementi ulteriori riguardanti le cause dell’incidente».

Le forze dell’ordine hanno sommariamente ricostruito la dinamica: la motrice del convoglio, per ragioni ancora ignote, si sarebbe sviata dai binari, uscendo completamente dalla sua sede e finendo prima contro un carrello o un mezzo analogo su un binario parallelo, e poi contro una palazzina delle ferrovie.

Lì la motrice avrebbe arrestato il suo percorso, mentre la parte restante del convoglio si sarebbe ad un certo punto ribaltata.

Nel punto di deragliamento, inoltre, erano in corso lavori di manutenzione: le autorità competenti stanno verificando se possano esserci eventuali connessioni con l’accaduto.

Intanto, la circolazione sulla linea AV Milano – Bologna è sospesa dalle 5.30 e tutti i treni, in entrambe le direzioni, sono stati dirottati, con ritardi fino ad un’ora, sulla linea convenzionale Milano- Piacenza.

Il Gruppo Fs Italiane e tutti i ferrovieri esprimono cordoglio per i due colleghi morti, offrendo supporto alle famiglie colpite dal lutto e a coloro che sono stati coinvolti nel deragliamento.

Cordoglio anche da parte del presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, e dell’assessore al Welfare, Giulio Gallera.

«Chi prende il frecciarossa quasi tutti i giorni si domanda come possa essere accaduto- scrive su Twitter Matteo Renzi -. Ma adesso, prima di tutto, solo le condoglianze alle famiglie e il grazie ai soccorritori».

Tag

Gina Lo Piparo

Laureata in Scienze dell'antichità, ama la natura, i viaggi, la poesia, l'arte, la scrittura e Dio, fonte di tutte queste cose. Missionaria, crede nei valori cristiani, che intende come uno stile di vita concreto, reale e rivoluzionario.

Articoli correlati

Rispondi

Back to top button
Close