Politica

Fontana (Lega): “Governo Conte odia il tessuto produttivo del Paese”

La dichiarazione del vicesegretario della Lega al quotidiano La Verità.

«Quelli lì odiano il tessuto produttivo del Paese».

Ad affermarlo, in un’intervista a La Verità, è il vicesegretario della Lega, Lorenzo Fontana, per il quale “quelli lì” sono quelli che governano l’Italia in questo momento: Conte con tutti i suoi ministri. Che esprimono «la stessa ideologia che vuole estirpare la libertà di pensiero con la legge sull’omofobia e vuole punire l’iniziativa privata». Quelli che vogliono «i cittadini servi, possibilmente assistiti, così da tenerli facilmente al guinzaglio».

Secondo il vice di Salvini: «L’obiettivo del politicamente corretto, che è l’ideologia del terzo millennio, e anche di questo governo, vorrebbe che lo Stato – meglio se sovranazionale – fosse il Dio assoluto». Quanto agli Stati generali, in corso da sabato, per Fontana sono il frutto di una sceneggiata del premier «in crisi perchè sono finite le conferenze stampa da lockdown, intento a trovare un altro espediente per restare al centro dell’attenzione».

Sul governo Conte, continua: «Millanta grandi progetti, a questo punto avrebbe già dovuto metterli in cantiere ma è arrivato tardi, mentre Conte si è venduto al tavolo con chi comanda veramente, cioè la dittatura del terzo millennio, un ibrido di comunismo, fascismo e ultraliberismo che vuole restringere i margini di democrazia: come il Parlamento europeo, l’unico organo elettivo che conta poco o nulla», conclude Fontana.

LEGGI ANCHE: Omotransfobia, Pro Vita & Famiglia: “I timori della CEI sono fondati”

Tag

Articoli correlati

Rispondi

Back to top button
Close