Famiglia Cristiana si schiera con il governo M5S – PD e attacca di nuovo Salvini

di VoceControCorrente

Duro editoriale di Famiglia Cristiana con il leader della Lega. Palese lo schieramento con il nuovo governo di Giuseppe Conte. Ecco cos’ha scritto Francesco Affossi.

Famiglia Cristiana, si sa, non ha mai provato simpatia per Matteo Salvini e lo ha dimostrato con un editoriale in cui si leggeche  il punto di forza del nuovo governo ‘giallorosso’ è «l’essersi liberato di Salvini, della Lega e della sua Bestia, che nella precedente formazione, attraverso la leva del ministro dell’Interno, levava e rosicchiava consensi ai Cinquestelle, forza politica di cui è espressione»

Famiglia Cristiana, a cui Giuseppe Conte ricorda persino Giulio Andreotti, ha affermato che «Luciana Lamorgese prefetto riporterà il Viminale ai suoi compiti, che sono quelli di garantire ordine e sicurezza laddove ce n’è veramente bisogno, senza utilizzarlo come strumento di propaganda elettorale a colpi di tweet e post in vista delle prossime elezioni, e senza invelenire il Paese con l’odio verso migranti, rom e altri poveri disgraziati utili solo per gonfiare la pancia del Paese e a costituire da ‘nemico’ per alimentare la macchina del consenso (un grande classico di tutti gli aspiranti tiranni e dittatori o al servizio di dittatori, da Licurgo a Goebbels)».

L’editoriale, a firma di Francesco Affossi, si è rivolto anche al nuovo esecutuvo, «chiamato ad affrontare sfide difficilissime. Se ne rendono davvero conto il premier e i nuovi membri dell’esecutivo? La strada è tutta in salita», sottolineando che «il Conte bis nasce certamente all’insegna della discontinuità rispetto al precedente governo, sebbene uno dei due motori e il pilota siano rimasti gli stessi. Il premier guida un esecutivo non piu’ basato su un contratto ma su un’alleanza».

Anfossi, comunque, si augura che il governo Conte possa raggiungere i suoi obiettivi «per il bene del Paese».

Infine, ha concluso Anfossi, «la sfida che ha davanti il nuovo esecutivo è difficile e complessa» per via di «due partiti fragili e molto friabili, attraversati da tensioni di ogni tipo, con tante sfide, a cominciare da quell’assegno unico per le famiglie che è condiviso da tutti i partiti dell’arco costituzionale, dalla lega al Pd, unica risposta al declino demografico che in Italia ha assunto proporzioni tragiche. Una delle vere emergenze del Paese».

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un 'Mi Piace' sulla nostra pagina Facebook!

Articoli Correlati