Evade durante il ‘festino’, a Palermo si cerca ancora il detenuto scappato

di VoceControCorrente

Avrebbe dovuto trainare il carro di Santa Rosalia, ma si è dato alla fuga durante le prove dello spettacolo.

Non si fermano le ricerche di Alessandro Cannizzo, il detenuto del carcere “Ucciardone” di Palermo evaso durante il 395 festino in onore di Santa Rosalia. L’uomo, un quarantaquattrenne originario di Messina, stava scontando la pena per “reati contro il patrimonio”. Per la sua condotta e il suo carattere, era definito da molti “un detenuto modello”. Insieme ad altri carcerati dello stesso istituto penitenziario stava prendendo parte ai lavori per l’organizzazione della festa, ma durante le prove generali è riuscito a fuggire.

Da tempo, infatti, lo storico regista del festino Lollo Franco collabora con il carcere palermitano, permettendo ai detenuti di adoperarsi in attività ricreative. Questa volta ai carcerati era stata data la possibilità di lavorare alla realizzazione del carro, per poi trainarlo durante la processione della “Santuzza”.

La notizia dell’evasione si è diffusa per le vie della città nel pieno dei festeggiamenti, durante la serata di ieri. Da è scattata la caccia all’uomo.

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un 'Mi Piace' sulla nostra pagina Facebook!

Articoli Correlati