BioeticaEsteri

Eutanasia per i bambini malati terminali: ecco che succede in Colombia

La Colombia aveva già detto sì all’Eutanasia nel 2015, penalizzando. Ora ha reso la procedura disponibile anche per i bambini malati terminali.

La Colombia è stato il primo paese dell’America Latina a depenalizzare l’eutanasia, legalizzando la morte medicalmente assistita nel 2015. Adesso però è andata oltre, approvando un regolamento che ha reso la procedura disponibile per i bambini.

È stata una decisione controversa e ovviamente malvista in un paese fondamentalmente conservatore dove per altro la popolazione dei cristiani evangelici sta crescendo rapidamente. Le chiese si stanno duramente opponendo all’eutanasia, e fornire la morte assistita ai bambini è forse la goccia che fa traboccare il vaso.

La Colombia ha modellato gran parte del suo regolamento sulla leggi riguardanti l’eutanasia approvate in Canada, e le condizioni originali non includevano i bambini.

Le cose sono cambiate quando la famiglia di un bambino malato ha fatto appello alla Corte Costituzionale, che ha sostenuto la sua richiesta. Da qui il Ministero della Salute ha esteso il regolamento per offrire la procedura a bambini da sei anni in su.

Come per gli adulti, per “qualificarsi” per la procedura, il bambino deve essere affetto da una condizione incurabile, soffrire di un dolore che non può essere gestito con le cure palliative e deve avere la capacità mentale di richiedere e consentire la procedura.

Sarà, ma riesce difficile immaginare un bambino di soli 6 anni essere in grado di chiedere di morire. Eppure, per la Colombia, per garantire che un bambino tra i 6 e 12 anni vuole morire basta la valutazione di uno psichiatra o di uno psicologo.

I bambini dai 12 ai 14 anni possono invece richiedere la procedura con il consenso dei genitori. Infine, ciliegina sulla torta, e i bambini di età superiore ai 14 anni possono richiedere la morte assistita anche se i loro genitori non sono d’accordo.

«Abbiamo esaminato la letteratura sui bambini e la coscienza della morte – ha detto al Globe and Mail  il dottor Ricardo Luque Nunez, medico e bioeticista consulente del Ministero della Sanità della Colombia – e a partire da 12 anni, hai lo sviluppo cognitivo e morale giusto a per prendere decisioni morali consapevoli».

Finora più di 30 famiglie hanno praticato l’eutanasia ad altrettanti bambini. La maggioranza pratica il tutto in via privata, senza passare dalla sanità pubblica, perché il processo è più breve e prevede meno domande.

Tag

Articoli correlati

Rispondi

Back to top button
Close