Bioetica

Eutanasia, l’Olanda pronta ad estendere la procedura anche sui bambini

I Paesi Bassi, primo paese al mondo a rendere legale l'eutanasia, preparano una legge anche per i più piccoli

L’eutanasia, argomento fin troppo discusso, apre una strada controversa alle anime indifese, ovvero ai bambini, consegnando all’opinione pubblica sgomento e rassegnazione.

“Risparmiare ad alcuni bambini sofferenze indicibili e senza speranze”. Questo è ciò che ha annunciato il ministro della Salute Olandese Hugo de Jonge, con una lettera al Parlamento, estendendo così l’eutanasia anche ai bambini malati terminali di età compresa tra 1 e 12 anni.

Attualmente, in Olanda l’eutanasia è permessa dai 16 ai 18 anni col consenso dei ragazzi e dai 12 ai 16 col consenso dei genitori. I bambini nell’età oggetto di discussione in parlamento, invece, ancora possono sperare nelle cure palliative, o, in casi particolari, alla sospensione dell’alimentazione artificiale. La modifica alla legge, prevederebbe il consenso dei genitori e del parere favorevole di almeno due medici per attuare la procedura.

Le tristi vicende dei piccoli Charlie, Alfie e Isaiah hanno aperto la strada ad una cultura della morte come possibilità di “sopravvivenza”. Piccoli pionieri ignari di un nuovo modo di concepire la vita. Se l’aborto fallisce alla selezione naturale, ecco che l’uomo si oppone alla natura e smista la specie in modo artificioso.

Dunque, con la legge, l’uomo invoca il proponimento alla vita e alla morte, dove l’indifeso non ha altra scelta che scansarsi da una società che corre e può fare a meno di un carico infruttuoso.

Così ,in un mondo dove regnano disfunzioni e malattie, nasce la “pena di morte” alla coscienza, persone vulnerabili e inguaribili ogni giorno lasciano il proprio corpo perché una legge umana lo permette. Che siano gli adulti ad appellarsene, seppur triste, è ormai una realtà sostenibile, ma l’annullamento dell’innocente, che già in condizioni ottimali necessita di una fiducia matura, mostra una volontà umana sempre più stanca e selettiva.

 

Tag

Articoli correlati

Rispondi

Back to top button
Close