Economia

E-commerce: la proposta di legge per il prezzo politico

Stabilire prezzi uguali per tutti i siti di e-commerce: la proposta di legge per una stretta sulle vendite online.

I prezzi sul web? Troppo diversi tra di loro: così il governo ha stabilito di volere il prezzo politico per le vendite online. Prezzi uguali per tutti i siti di e-commerce, per evitare che le grandi aziende possano vendere merci anche italiane a costi irragionevolmente bassi.

La proposta di legge arriverà alla Commissione Attività Produttive della Camera giovedì, insieme a quella sull’aumento delle aperture domenicali.  Una proposta piuttosto strana, che dovrebbe colpire, tra le altre, piattaforme del calibro di Amazon, Alibaba e E-Bay.

Stando a quanto affermato da Lega e Movimento 5 Stelle queste, come altre società, si appoggiano a società fittizie che sfruttano le agevolazioni sull’Iva. Questo non succede per le aziende italiane, che conseguentemente non possono competere con i costi dei siti web.

Per procedere alla stretta occorrerà di mappare tutti i siti di vendita online. Una volta fatto, si dovrebbe creare un’unica piattaforma riguardante il Made in Italy.

Nel frattempo si propone anche una stretta sulle svendite di libri sulle piattaforme come Amazon per sostenere librai e librerie che stanno risentendo dei costi irrisori del web.

Tag

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close