Ecco le parole cristiane più digitate su Google: 5,6 miliardi di ricerche al giorno

di Walter Giannò

È impressionante il numero di ricerche giornaliere su Google legate alle fede. E le domande poste sono incredibilmente semplici che danno una grande lezione: il bisogno delle persone di conoscere Dio.

(di Walter Giannò) Ogni giorno miliardi di domande vengono digitate sui motori di ricerca, in particolare su Google.

Ebbene, secondo una stima realizzata e pubblicata da Theolocast, le domande sulla fede sono quelle che si trovano in cima alle ricerche.

I dati forniti da Theolocast evidenziano, infatti, che i termini più ricercati in questo 2019 su Google associati alla fede sono: «Cos’è l’amore?», seguito da «Cos’è la Bibbia?» e da «Chi è Gesù?».

Questi risultati generano un totale di 5,6 miliardi di ricerche al giorno sulla piattaforma di Google, ovvero 63mila ricerche al secondo.

Theolocast, per giungere a questi risultati, ha analizzato i dati degli inserzionisti di Google. Infatti, dal momento che le pubblicità sono associate ai vari interessi degli utenti del web, Google utilizza i dati delle ricerche per scegliere le pubblicità ‘personalizzate’ per ogni internauta.

Il bisogno delle persone di conoscere Dio

Il responsabile dei contenuti digitali di LightWorkers.com, Chanshi Chibwe, ha sottolineato che le ricerche sulla Bibbia e Gesù rivelano la necessità delle persone di conoscere Dio.

«La cosa più affascinante di questo elenco è quanto siano incredibilmente semplici le domande. Le persone cercano risposte fondamentali. Chi è Dio? Cos’è la preghiera? Qual è la Bibbia?», ha detto Chibwe.

Il manager ha anche osservato che nessuna trasformazione sociale è stata in grado di eliminare il desiderio degli uomini di cercare Dio. Piuttosto, è avvenuto l’opposto: più aumenta il numero delle piattaforme di comunicazione a disposizione dell’umanità, maggiore è l’interesse per il mondo spirituale.

Walter Giannò

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un 'Mi Piace' sulla nostra pagina Facebook!

Articoli Correlati