Esteri

Ecco il piano dell’ONU per proteggere i siti religiosi in tutto il mondo

Antonio Guterres, segretario generale delle Nazioni Unite, ha presentato il piano d’azione per la protezione dei siti religiosi nel mondo.

(di Redazione) «I siti religiosi sono simboli potenti della nostra coscienza collettiva. Quando le persone vengono attaccate a causa della loro religione, l’intera società ne risente», ha affermato il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres – nella foto – il 12 settembre scorso quando il suo piano d’azione per la protezione dei siti religiosi è stato presentato agli Stati membri.

«I luoghi di culto in tutto il mondo devono essere un paradiso di pace per la riflessione e la pace, non luoghi di spargimento di sangue e terrore. Le persone in tutto il mondo devono essere in grado di osservare e praticare la loro fede nella pace», ha aggiunto il politico e diplomatico portoghese, deplorando l’ascesa dell’antisemitismo, così come l’odio anti – musulmano, gli attacchi ai cristiani e l’intolleranza verso altri gruppi religiosi.

Il piano d’azione è stato sviluppato dall’Alto rappresentante dell’Alleanza delle Civiltà delle Nazioni Unite su richiesta di Antonio Guterres dopo gli attentati di Christchurch, in Nuova Zelanda.

Il piano propone raccomandazioni concrete per assistere gli Stati negli sforzi per garantire la sicurezza dei siti religiosi, nonché linee guida per le Nazioni Unite, i leader religiosi, la società civile e i fornitori degli accessi online.

Una delle raccomandazioni è sviluppare una campagna di comunicazione globale per promuovere il rispetto e la comprensione reciproca.

Tag

Articoli correlati

Back to top button
Close