Esteri

È morto John Kercher, il padre di Meredith: giallo sul decesso

Muore in ospedale, dopo essere rimasto vittima in un incidente ancora dalle dinamiche poco chiare, John Kercher, 77enne, padre di Meredith Kercher, la studentessa uccisa a Perugia nel 2007 all’età di 21 anni.

L’uomo, durante un incidente avvenuto lo scorso 13 gennaio nei pressi della sua casa a Croydon, a sud di Londra si era rotto un braccio e una gamba. La vittima non ricordava niente di quei momenti, per questo motivo ricostruire con esattezza quanto accaduto non sarà facile.

«Siamo vicini alla famiglia – ha detto il sergente di polizia Steve Andrews – in questo momento molto triste e stiamo indagando su questa morte che riteniamo inspiegabile».

LEGGI ANCHE: Coronavirus, contagiato il primo italiano.

John Kercher potrebbe essere stato investito un pirata della strada, secondo quanto si apprende anche dal Sun (giornale in cui Kercher ha lavorato). Kercher, infatti, ha svolto l’attività giornalistica per 40 anni, scrivendo anche per il Daily Mirror

«È molto triste – ha commentato un vicino di casa – era davvero un uomo per bene. Nessuno sa davvero quello che è accaduto. Era dall’altra parte della strada nel negozio. È uscito. C’era nebbia quel giorno. La gente è uscita dal negozio e lui era a terra».

«Nonostante le indagini approfondite condotte finora – hanno comunicato dalla polizia – compreso l’ascolto di testimoni e l’esame delle riprese effettuate da telecamere a circuito chiuso, non siamo ancora stati in grado di stabilire quale sia l’origine delle ferite riportate dall’uomo, tra cui un braccio e una gamba rotti».

 Gabriele Giovanni Vernengo

LEGGI ANCHE: Coronavirus, tutte le notizie non vere.

Tag

Gabriele Giovanni Vernengo

Classe 94', amante della cultura e dell'arte. Fermo nei propri valori e nella sua fede cristiana, porta avanti il proprio talento tramite la poesia e il giornalismo, definite da lui stesso come «missioni» e/o « vocazioni».

Articoli correlati

Rispondi

Back to top button
Close