Famiglia

Dipendenza da internet: il caso estremo di una famiglia italiana

Due anni chiusi in casa senza interagire con nessuno: una famiglia salentina rovinata dalla dipendenza da internet.

Sono anni che gli psicologi tentano di spiegare quando la dipendenza da internet possa essere pericolosa. Il fatto che si tenda a sottovalutarne i pericoli porta a casi estremi, come quello di una famiglia salentina che per ben due anni è rimasta chiusa in casa.

Il nucleo familiare in questione è composto da quattro persone: due genitori quarantenni, un ragazzo quindicenne e una bambina di nove anni. I primi tre non uscivano più di casa, ormai patologicamente assoggettati alla rete. Ad allarmare le autorità hanno pensato gli insegnanti della bambina.

La piccola, infatti,  era l’unica a uscire perché ogni mattina doveva recarsi a scuola. Ma giorno dopo giorno si presentava con un aspetto sempre più allarmante e con evidenti carenze igieniche. Gli insegnanti hanno dunque deciso di segnalare il caso ai servizi sociali.

Gli assistenti sociali si sono dunque recati in casa e hanno scoperto che i genitori e il fratello maggiore non potevano più vivere senza gli schermi dei loro computer e degli smartphone: hanno sviluppato una dipendenza da internet talmente elevata da dare alla bambina il compito di fare la spesa.

L’intera famiglia sopravviveva grazie alla pensione del padre e consumava piccoli pasti pronti. Il quindicenne non solo non si muoveva più e ha avuto bisogno di diverse sedute di fisioterapia, ma è ora sottoposto a terapie antibiotiche per via delle infezioni contratte nel corso del tempo.

Purtroppo i casi di dipendenza da internet sono sempre più frequenti e mettono a rischio la salute e la sicurezza di molte persone. Basti pensare che il quindicenne era talmente dipendente dal web da partecipare a sfide anche pericolose lanciate in rete, senza curarsi delle conseguenze.

Ora l’intera famiglia dovrà seguire un percorso terapeutico di recupero e dovrà essere seguita per rimettere in ordine le priorità.

Tag

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close