Ambiente

Dipendenti Heineken raccolgono i rifiuti che sporcano spiagge e fiumi italiani

Insieme a Legambiente, il noto marchio ha dato vita a ‘10.000 per l’Ambiente’, iniziativa di salvaguardia e sensibilizzazione verso le tematiche ambientali.

È già da metà settembre che ‘10.000 per l’Ambiente’ mobilita migliaia di volontari in favore della tutela ambientale. Nata dalla collaborazione di Legambiente e Heineken, l’iniziativa ha visto il coinvolgimento massiccio dei dipendenti del noto produttore di birra, che hanno deciso di dedicarsi a raccogliere i rifiuti che sporcano spiagge e fiumi italiani soprattutto nel periodo di settembre/ottobre, successivamente all’invasione turistica estiva.

Le tappe sono state 15 e hanno percorso tutto lo stivale col risultato di 1.392 persone dell’azienda che hanno raccolto in un mese 13,5 tonnellate di rifiuti, di cui 25% è plastica. I dipendenti Heineken hanno ripulito le aree più inquinate vicino ai corsi d’acqua e, in generale, nelle zone degradate presso le sedi dei propri stabilimenti.

Alfredo Pratolongo, direttore comunicazione e affari istituzionali di Heineken Italia, ha dichiarato: «Anche quest’anno abbiamo superato ampiamente l’obiettivo delle 10.000 ore e abbiamo ottenuto una risposta ancora più forte, con una partecipazione del 5% superiore rispetto allo scorso anno. Stiamo implementando, inoltre, importanti misure per ridurre l’utilizzo di plastica monouso in produzione e distribuzione, con un team di lavoro dedicato, ma anche per sensibilizzare le persone a un uso più consapevole. A breve sostituiremo tutte le bottiglie di plastica usa e getta in ufficio con borracce e moderni sistemi di approvvigionamento dell’acqua».

Col sostegno di ‘Fai bella l’Italia’, evento di Fai Cisl, sono stati realizzati inoltre anche progetti per catalogare i rifiuti al fine di acquisire dati utili per le prossime campagne.

Gina Lo Piparo

Leggi anche: Piero Angela dice la sua su Greta Thunberg.

Tag

Gina Lo Piparo

Laureata in Scienze dell'antichità, ama la natura, i viaggi, la poesia, l'arte, la scrittura e Dio, fonte di tutte queste cose. Missionaria, crede nei valori cristiani, che intende come uno stile di vita concreto, reale e rivoluzionario.

Articoli correlati

Back to top button
Close