Politica

Di Maio confermato leader di M5s, ma il 29% degli ex elettori cambia strada

Di Maio ha ottenuto il sostegno dell’80% dei 56.127 membri a 5 stelle che hanno votato sulla piattaforma Rousseau.

Si sono svolte come annunciato le “elezioni” su Rousseau per la fiducia a Di Maio. Il ministro ha chiesto il ballottaggio dopo la batosta alle europee, con un Movimento 5 stelle piazzato al solo 17% alle elezioni.

Un risultato che è precisamente la metà del conteggio del suo partner di coalizione, la Lega, e che ha provocato attacchi interni alla sua leadership. Su Rousseau, Di Maio ha ottenuto l’80% dei voti dei 56.127 membri iscritti alla piattaforma.

Il voto di fiducia offre un po’ di tregua al ministro, che “esulta” su Facebook parlando di record mondiali (e subito dopo di restare umili) ma la situazione non cambia: a Di Maio spetterebbe l’arduo compito di ribaltare le sorti del partito.

Tuttavia, stando a uno studio condotto dalle Università di Milano, Siena e Torino, in collaborazione con l’Osservatorio di Pavia riportato dall’Ansa, non solo il Movimento perde punti, ma li perde proprio in favore della Lega.

La ricerca sottolinea infatti come il 29% degli ex elettori a 5 Stelle si sia dimostrato pentito, e che la probabilità di votare per la Lega è superiore al 50%.

Tag

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close