Esteri

Decapitata dal padre a 14 anni perché era scappata con il fidanzato

Efferato delitto in Iran che ha provocato sdegno in tutto il mondo.

Il crimine d’onore di un padre che ha ucciso la figlia 14enne desiderosa di sposarsi con un 35enne è diventato un caso nazionale che suscita sdegno in Iran.

Il dramma, riferito dalla BBC, è quello vissuto da Romina Ashrafi, scappata di casa, nella provincia di Gilan, con il suo fidanzato di 35 anni dopo che il padre aveva respinto la sua proposta di matrimonio.

La coppia in fuga è stata poi fermata dalla polizia e ripetutamente la ragazza ha detto alla polizia di temere per la propria vita se fosse stata riportata dai genitori. Secondo la ricostruzione del sito d’informazione Gilkhabar, Romina è stata attaccata di notte nella sua camera da letto dal padre che l’ha decapitata con una falce. L’uomo sarebbe subito uscito di casa con la falce in mano e avrebbe confessato l’efferato omicidio d’onore, per il quale è stato arrestato.

Il crimine, consumato in casa, è finito sulle pagine dei principali quotidiani iraniani che hanno ampiamente documentato la drammatica storia della ragazza.

Casa paterna insicura ha scritto il giornale riformista Ebtekar, denunciando il fallimento della legislazione vigente nel proteggere ragazze e donne dalle violenze.

«Romina non è né la prima né l’ultima vittime dei crimini d’onore. Tali crimini continueranno fin quando la legge e le culture dominanti nelle comunità locali e globali non saranno abbastanza dissuasive» ha affermato Shahindokht Molaverdi, ex vice presidente per le donne e gli affari di famiglia, segretaria della Società iraniana per la protezione dei diritti delle donne.

In Iran il codice penale prevede pene ridotte per fratelli e altri membri della famiglia colpevoli di omicidio o di minacce fisiche a bambine in atti di violenza domestica o crimini d’onore. Se giudicato colpevole dell’uccisione della propria figlia, un padre incorre in una pena tra 3 e 10 anni di carcere rispetto alla pena di morte prevista nei casi di omicidi. Per i crimini d’onore in Iran non esiste una statistica nazionale, ma secondo difensori dei diritti umani e fonti Usa si verificano soprattutto nelle zone rurali e tribali.

LEGGI ANCHE: Maira, ennesima sposa bambina senza speranza.

Tag

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close