Politica

DDL contro l’omofobia, Ceccanti (PD): “Timori giustificati ma vanno scongiurati”

Le parole del deputato e costituzionalista del Partito Democratico sul DDL Zan - Scalfarotto.

Una legge che contrasti l’omofobia è «opportuna, anzi necessaria» per Stefano Ceccanti, intervistato da Avvenire.

Per il deputato e costituzionalista del Partito Democratico, espressione dei cristiano-sociali, «il linguaggio di odio crescente verso determinate minoranze, che si alimenta soprattutto attraverso i social, richiede uno specifico intervento».

I rischi – che anche la CEI ha segnalato – di dar luogo a un rimedio peggiore del male, introducendo una sorta di reato di opinione per chi persegua il favor familiae richiamato in Costituzione possono, a suo avviso, essere scongiurati attraverso un’esplicita previsione che ponga dei limiti in tal senso.

L’intervento legislativo, ha spiegato Ceccanti, è «opportuno», ma fin dal primo articolo dovrebbe garantire la libera manifestazione del pensiero e privilegiare «l’aspetto preventivo».

Sempre dalle pagine di Avvenire, ha risposto Paola Binetti: «Ma era davvero necessario – ha detto in una intervista al quotidiano dei vescovi – in questo momento impegnare tante energie sul fronte dell’Omofobia? Non intendo dire che si tratti di un problema marginale. Tutto ciò che serve per contrastare la violenza e limitare le discriminazioni, anche quelle basate sull’ orientamento sessuale è benvenuto. Ma ho qualche dubbio sul fatto che, in tutta questa fretta, non ci sia qualche cedimento al politicamente corretto». Per la Binetti il dubbio è che si tratti di «un’operazione consenso». Fonte: Ansa.

LEGGI ANCHE: Omofobia e identità di genere, due rilievi al DDL Zan – Scalfarotto.

Tag

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close