EsteriIn evidenza

Cucciolo ucciso a colpi di pistola: “Una donna non può avere un cane”

L’uccisione è avvenuta sotto i suoi occhi per mano di un gruppo di uomini armati.

Il suo cane è stato ucciso a colpi di pistola e il motivo probabilmente ha a che fare con la professione da lei esercitata: Sahba Barakzai, infatti, insegna sport alle ragazze in Afghanistan, andando contro a stereotipi e tabù.

Il fatto è accaduto venerdì 7 febbraio in maniera del tutto inaspettata. Secondo la ricostruzione offerta da New York Post, la donna stava facendo una tranquilla passeggiata in montagna insieme alla sua famiglia e ad Aseman, un husky siberiano di soli sette mesi, quando improvvisamente un uomo si è avvicinato e ha sparato al cane.

«Ho urlato, sono corsa verso Aseman e ho chiesto all’uomo di non sparare.  Al pistolero non è importato e ha sparato quattro proiettili nel petto di Aseman», ha raccontato la donna all’agenzia di stampa afghana Khaama.

Mentre correva, con in braccio il corpo dell’animale ferito, sono comparsi altri uomini che hanno dato man forte al primo, il quale ha sparato un altro colpo al povero cucciolo e ha chiesto minacciosamente alla famiglia di lasciare lì il suo corpo, dal momento che una donna non può possedere un cane.

LEGGI ANCHE: A 5 anni salva la sorellina di 2 e il cane da un incendio in casa.

Sahba teme che l’episodio sia stato un caso di ritorsione legato proprio alla sua attività di insegnamento, che spesso è andata contro inveterate convenzioni sociali: negli ultimi dieci anni ha insegnato karate ai bambini di Herat (terza città dell’Afghanistan) e ha dato vita ad un club di ciclismo per adolescenti e ragazze, per le quali andare in bicicletta in città è ancora un tabù.

«L’ispirazione principale è stata la situazione delle donne in Herat perché lei stessa è una persona attiva nella [comunità] – ha raccontato la sorella di Sahba alla BBC -. [I nostri genitori] erano completamente preoccupati perché la sua vita è in pericolo – e l’abbiamo visto con i nostri occhi la scorsa settimana».

La crescente preoccupazione ha costretto Sahba, per il momento, a bloccare le società sportive e varcare il confine con l’Iran.

Gina Lo Piparo

Tag

Gina Lo Piparo

Laureata in Scienze dell'antichità, ama la natura, i viaggi, la poesia, l'arte, la scrittura e Dio, fonte di tutte queste cose. Missionaria, crede nei valori cristiani, che intende come uno stile di vita concreto, reale e rivoluzionario.

Articoli correlati

Rispondi

Back to top button
Close