Esteri

Cristiani via dall’Iraq, il rapporto di ‘Aiuto alla Chiesa che soffre’

Alcuni sondaggi non lasciano ben sperare: tutti i fedeli lasceranno presto il paese.

Un rapporto intitolato «La vita dopo lo stato islamico: nuove sfide per il cristianesimo in Iraq» raccoglie i risultati di una serie di sondaggi effettuati nell’arco di un anno.

Lo studio di 80 pagine presenta le attuali sfide per i cristiani iracheni, che sono tornati nella loro città natale dopo la cattura della piana di Ninive da parte dell’Isis nell’estate del 2014.

Il documento sottolinea che se la comunità internazionale non dovesse prendere provvedimenti immediati, l’emigrazione forzata potrebbe ridurre drasticamente la popolazione cristiana della regione . Ciò sposterebbe la comunità cristiana nella categoria di «vulnerabili», alla categoria critica di «minacciato di estinzione».
Prima del 2003, i cristiani erano 1,5 milioni, ora sono meno di 120.000.
Lo studio è stato condotto dal capo del dipartimento del Medio Oriente dell’AED internazionale, don Andrzej Halemba, e preparato da Xavier Bisits, collaboratore dell’AED in Iraq nel 2019.

Secondo il rapporto, il 100% dei cristiani della regione non si sente insicuro I sondaggi mostrano che l’attività violenta delle milizie locali e la possibilità di un ritorno dello Stato islamico sembrano essere le ragioni principali di questa paura. Il 69% delle persone afferma che è la prima causa di una possibile migrazione forzata.
I combattenti più feroci sembrerebbero appartenere alle milizie Chabak, supportate dall’Iran che opera nella pianura di Ninive. Lì stanno agendo con il permesso del governo iracheno.

Il 24% degli intervistati afferma che «la loro famiglia è stata colpita negativamente da una milizia o da un altro gruppo ostile». «Molestie e intimidazioni, spesso legate a richieste di denaro», sono le forme di ostilità più comunemente riportate.

Oltre all’insicurezza, i cristiani citano la mancanza di prospettive di occupazione e sviluppo economico (70%), corruzione finanziaria e amministrativa (51%) e discriminazione religiosa (39%) che avvertono a livello sociale, come le attuali sfide che continuano a spingere i cristiani a migrare.

Le differenze tra il governo centrale di Baghdad e il governo regionale del Kurdistan, notevoli in alcune aree a maggioranza cristiana, rafforzano il senso di insicurezza.
«Il rapporto non è pessimista, ma è un chiaro avvertimento perché senza un’azione politica concertata e immediata, la presenza dei cristiani nella regione della piana di Ninive e dei suoi dintorni sarà eliminata», assicura padre Andrzej Halemba.

Tuttavia, nonostante l’urgente appello alla comunità internazionale, il project manager di ACN rileva “uno sviluppo positivo» se si tiene conto del fatto che, nel primo sondaggio condotto da ACN a novembre 2016, solo Il 3,3% dei cristiani nella pianura di Ninive sperava di tornare nelle loro città e villaggi, a causa di problemi di sicurezza e mancanza di alloggi. «Oggi il 36,2% dei cristiani è tornato», afferma padre Halemba.

Questo equilibrio positivo, ha affermato, è dovuto al piano di ricostruzione a lungo termine che ACN ha lanciato all’inizio del 2017 per affrontare con altre organizzazioni la riabilitazione di case cristiane devastate nella pianura di Ninive.

ACN ha contribuito con 6,5 milioni di euro alla ricostruzione del 35% delle case, per un totale di 2.860 case in sei città e villaggi. Questi sforzi hanno avuto l’effetto desiderato e un numero significativo di famiglie è tornato a casa. «Nell’aprile 2020, il 45% delle famiglie è tornato.

Tuttavia, molte famiglie si sono lasciate, motivo per cui spesso solo una parte dei membri della famiglia è tornata. In totale, 8.166 case danneggiate e distrutte sono state riparate», riassume il rappresentante dell’ACN.

Nonostante le cifre, gli ultimi sondaggi ACN preoccupano la fondazione in quanto rivelano che anche se i cristiani iracheni hanno ora una casa, la paura e l’insicurezza continuano a regnare nella regione. «Le prospettive sono inevitabilmente desolate perché i cristiani sentono di aver raggiunto un punto di svolta in termini di sostenibilità della loro presenza nella regione», ha affermato padre Halemba.

Oltre alle misure di promozione dello sviluppo economico, il capo dei progetti ACN in Medio Oriente chiede «una rappresentanza permanente dei cristiani all’interno delle autorità nazionali e locali per garantire la difesa dei loro diritti fondamentali, in particolare il diritto alla libertà».

«Dalla nostra parte, faremo tutto ciò che è in nostro potere. Le generazioni future non dovrebbero mai dire di noi: hai fatto troppo poco, troppo tardi», conclude il project manager di ACN.

TRADUZIONE DELL’ARTICOLO: IRAK : Un Rapport de l’Aide à l’Église en Détresse prévoit la disparition des chrétiens

LEGGI ANCHE: Iraq, via alla ricostruzione di una Chiesa di Mosul distrutta dall’ISIS

Gabriele Giovanni Vernengo

Tag

Gabriele Giovanni Vernengo

Classe 94', amante della cultura e dell'arte. Fermo nei propri valori e nella sua fede cristiana, porta avanti il proprio talento tramite la poesia e il giornalismo, definite da lui stesso come «missioni» e/o « vocazioni».

Articoli correlati

Rispondi

Back to top button
Close