EsteriIn evidenza

Cristiani perseguitati in Turchia: libertà negate a 35 pastori protestanti

La situazione va contro la libertà di religione garantita dalla Costituzione e dalla Dichiarazione universale dei diritti umani.

«Dall’incidente di Brunson, tutti i pastori protestanti sono stati trattati con sospetto. Trentacinque pastori della comunità protestante turca stanno vivendo problemi di questo tipo».

Joy Subasigüller, originaria della Florida, vive in Turchia. È sposata da sette anni con Lütfü, un pastore protestante di Ankara, ed è madre di tre bambini nati in Turchia. Ha appena saputo che la sua domanda di rinnovo del permesso di soggiorno è stata rifiutata e che deve prepararsi all’espulsione.

«Questa decisione mi rende molto triste. Amo la Turchia e il popolo turco. Vivo qui da dieci anni, sono stati i migliori anni della mia vita», dichiara la donna. Una decisione per lo più incomprensibile secondo il marito, cittadino turco. L’uomo ha detto a Deutsche Welle, che sua moglie sarebbe stata considerata: «Una minaccia alla sicurezza nazionale e all’ordine pubblico. Siamo persone che pregano per il nostro Paese. Non minacciamo l’interesse nazionale», continua.

Alla domanda dell’International Christian Concern, Joy ha spiegato: «La Turchia è la mia casa. Amo molto la Turchia e il popolo turco. La mia famiglia ha legami molto forti con gli amici turchi qui e soprattutto con la famiglia di Lütfü, che sarebbe devastata se dovessimo trasferirci definitivamente in un altro paese. Molti cristiani protestanti stranieri (tra cui molti americani) sono stati costretti a lasciare la Turchia o gli è stato negato l’ingresso, con la motivazione che le loro attività cristiane sono una “minaccia alla sicurezza nazionale e all’ordine pubblico”, anche se le loro attività sono legali».

La donna continua dicendo: «In realtà, ad alcuni protestanti è stata negata la residenza semplicemente perché hanno partecipato a riunioni, come la conferenza annuale delle famiglie dell’Associazione Protestante Turca e un seminario su come servire legalmente ed efficacemente i bambini cristiani nella chiesa. La libertà di religione è un diritto garantito dalla Costituzione turca e dalla Dichiarazione universale dei diritti umani, che la Turchia ha firmato. Chiediamo e preghiamo che questo diritto sia rispettato dai tribunali turchi e applicato in tutti i settori del governo».

Timur Topuz, presidente della Fondazione della Chiesa protestante di Istanbul (IPKV), rivela la crescente ostilità verso i pastori protestanti. E dichiara: «Dall’incidente di Brunson, tutti i pastori protestanti sono stati trattati con sospetto. Trentacinque pastori della comunità protestante turca stanno vivendo problemi di questo tipo».

È il caso del pastore americano Zach Balon, della Chiesa della Nuova Speranza di Istanbul. Il 24 giugno non è potuto salire sull’aereo, che doveva riportare lui e la sua famiglia, in Turchia.

Il fenomeno

In un comunicato, la Fondazione della Chiesa protestante di Istanbul spiega che questo fenomeno è iniziato nel 2019: «È con grande tristezza che dobbiamo informarvi che dal 2019 è diventato sempre più difficile per il clero protestante straniero, che serve in Turchia, risiedere nel nostro Paese».

Per Mervyn Thomas, direttore generale di Christian Solidarity Worldwide: «Gli sfratti sono profondamente inquietanti». Questi lavoratori avevano tutti i documenti legali necessari per vivere e lavorare nel Paese, ma sono stati sfrattati da un governo che continua a reprimere il cristianesimo, secondo una filosofia guida che equipara l’essere turco, all’essere musulmano. Peggio ancora, in molti casi l’espulsione può portare alla separazione delle famiglie. Chiediamo al governo turco di rispettare il diritto alla libertà di religione, o di credo, per tutti i cittadini, e di porre fine all’espulsione di questi lavoratori cristiani, che risiedono legalmente nel Paese».

Essere separata dalla sua famiglia è ciò che Joy rischia, anche se sta ancora allattando il suo ultimo nato. La famiglia ha presentato ricorso contro questa decisione.

Fonte: Info Chrétienne

Leggi anche: Turchia, Erdogan vuole trasformare la Basilica di Santa Sofia in moschea

Tag

Articoli correlati

Rispondi

Back to top button
Close