EsteriIn evidenza

Cristiani perseguitati in India: madre si fa tagliare la gola per salvare la figlia da uno stupro

Secondo Morning Star News "la ragazza era già stata violentata tre volte dalle stesse persone"

Due indù hanno chiesto a Devi di dare loro sua figlia per soddisfare il loro piacere sessuale. La settimana scorsa, nel cuore della notte, nel villaggio di Regadi, nello stato indiano di Jharkland, una madre cristiana, che per motivi di sicurezza sarà chiamata Devi, si è fatta tagliare la gola per aver cercato di proteggere la figlia dagli indù che cercavano di violentarla, per la terza volta.

Era l’una del mattino, quando due indù si sono avvicinati alla finestra della stanza dove Devi e i suoi quattro figli, dai 2 ai 13 anni, dormivano. Il padre non risiede con la famiglia, ma si trova nello Stato di Odisha, per mantenerli. La madre è uscita immediatamente per proteggere la figlia. Morning Star News ha rivelato che la ragazza era già stata violentata tre volte da questi individui.

Così, Devi è uscita per incontrare questi uomini e cacciarli via. Ma quando si è opposta, gli uomini le hanno tagliato la gola. Sua figlia, vedendola cadere a terra, è corsa verso casa e si è chiusa dentro. Secondo la polizia, gli uomini hanno poi trascinato il corpo di Devi nella giungla. Hanno messo il corpo in un sacco e l’hanno gettato nel fiume. Il suo corpo è stato trovato il giorno dopo, verso le 14.00, dalla polizia, che ha riferito di aver avviato un’autopsia.

«La sua famiglia aveva preferito tacere sui ripetuti stupri per paura delle conseguenze», secondo il pastore della comunità, Jaymasih Nag, che si è detto “scioccato” di non essere stato informato di questa “esperienza traumatica”. «I due sospetti avevano già violentato, tre volte, la figlia minorenne di Devi, oltre ad altre tre ragazze cristiane. Le quattro ragazze minori appartengono alla mia chiesa», continua il pastore.

E aggiunge: «Era già traumatico per Devi e sua figlia che, proprio come le tre volte precedenti, la minorenne potesse essere rapita ovunque, in qualsiasi momento e trascinata in un luogo isolato, per essere violentata più e più volte. Da quel giorno in poi, Devi ha iniziato a ricevere continue telefonate da questi uomini. Chiedevano che lei gli desse sua figlia per il loro piacere sessuale».

Dopo l’omicidio di Devi, il marito e i genitori cristiani di un’altra vittima di stupro hanno deciso di sporgere denuncia. Due sospetti sono stati arrestati. Jaideep Toppo è il capo della stazione di polizia locale. Spiega che i sospetti hanno confessato i tre stupri della figlia di Devi e lo stupro dell’altra ragazza, ma aggiunge che: «Entrambi gli uomini sono arrestati per stupro e non per omicidio».

Il villaggio di Devi ospita 25 famiglie, tra cui otto famiglie cristiane. Il pastore dice che: «C’è una minaccia costante per i credenti in varie forme». Un altro leader cristiano, Sandeep Oraon, condivide questo punto di vista, parlando di “crescente persecuzione“. «Questa cintura di Jharkland è stata testimone di una crescente persecuzione, e questo è molto reale per i cristiani che la vivono ogni giorno». La famiglia di Devi ha lasciato il suo villaggio e si è ritirata in un luogo segreto perché le loro vite sono minacciate.

Fonte: Info Chrétienne

Leggi anche: India, vedova e madre di 4 figli perseguitata perchè cristiana: è stata uccisa

Tag

Articoli correlati

Rispondi

Back to top button
Close