Esteri

Cristiani in Egitto, mercante di 68 anni rapito davanti alla sua famiglia

L'uomo risulta ancora disperso così come il figlio, rapito nel 2016.

La sera del 4 agosto, in Egitto, un mercante cristiano di 68 anni è stato rapito davanti agli occhi di diversi membri della sua famiglia. Bakhit Aziz Georgi – questo il suo nome – aspettava gli ultimi clienti del giorno nel suo piccolo negozio, quando improvvisamente un uomo mascherato armato di kalashnikov è entrato. Puntata la pistola contro di lui, l’ha costretto a seguirlo. Un secondo uomo ha afferrato Bakhit per un braccio e l’ha trascinato in strada.

Fuori Youssef Samaan Girgis, nipote di Bakhit, ha visto suo zio costretto a salire su un pick-up. L’uomo è andato verso i rapitori supplicandoli di fermarsi ma gli uomini armati gli hanno chiesto la carta d’identità. Ogni carta d’identità egiziana mostra la religione del suo proprietario. Youssef è cristiano. Anche lui viene costretto a salire sul camion.

Anche la figlia di Bakhit, Mariam, ha visto la scena. «Quando ho visto mio padre salire sul camion – racconta la ragazza di 21 anni -, ho implorato i rapitori di liberarlo». E aggiunge: «Mi hanno risposto in modo brusco. Ho detto a mio padre: “Scendi da questo veicolo”, ma lui mi ha spinto a rientrare in casa. C’erano altre persone per strada, ma nessuno mi ha aiutato. Non potevo fare altro che piangere».

Un secondo attacco

L’intera scena è stata filmata e registrata dalle telecamere di sicurezza del negozio. Uno dei figli di Bakhit, Ramzy, ha guardato il video, ma non ha riconosciuto gli aggressori. «Non sono persone del villaggio. Siamo l’unica famiglia cristiana del villaggio e abbiamo sempre vissuto in pace con i nostri vicini musulmani», dice Ramzy.

Ci sono stati diversi incidenti di questo tipo che hanno preso di mira i cristiani in Egitto. La famiglia di Bakhit, inoltre, era già stata oggetto di un simile atto. Nel luglio del 2016, uno dei figli di Bakhit, Osama, è stato rapito. Da allora non è più stato visto. «Quando Osama è stato rapito, ci siamo sentiti in pericolo, ma mio padre si è sempre rifiutato di lasciare la regione fino a quando Osama non ci fosse stato restituito», ha detto Ramzy.

Assenza di indagini

Quando Osama è stato rapito, la polizia non avrebbe fatto nulla per indagare sulla sua scomparsa. Uno dei membri della famiglia, che ha voluto rimanere anonimo, ritiene che questa inazione della polizia abbia portato i rapitori alla recidiva.

«Non è stato fatto nulla per cercarli – ha detto -. Se la polizia avesse agito durante il primo rapimento, il secondo non avrebbe mai avuto luogo. E se la polizia non fa ancora nulla per questo nuovo incidente, potrebbero essere rapiti anche altri cristiani».

Youssef è stato trovato vivo il 20 agosto. Ma Bakhit e Osama sono ancora dispersi. La famiglia è molto preoccupata per loro, soprattutto perché Bakhit è diabetico e non ha le sue medicine.

Fonte: Porte Aperte

Leggi anche: Egitto, sempre più cristiani copti nel mirino dei gruppi islamici

Tag

Articoli correlati

Rispondi

Back to top button
Close