Cultura & Scienze

Covid-19, scoperto farmaco che può salvare le vite dei malati più gravi

Secondo uno studio fatto su migliaia di pazienti, il desametesone evita la morte a gran parte di pazienti gravemente malati e che necessitano della respirazione artificiale

A sei mesi dall’ inizio della peggiore pandemia del 21esimo secolo, i ricercatori del Regno Unito rivelano di aver trovato la prima medicina in grado di salvare la vita ai malati, in gravi condizioni, di Covid-19: il desametasone. Il farmaco, però, non ha mostrato alcun beneficio tra i pazienti con un grado più lieve di malattia.

Secondo i responsabili dello studio, il desametasone può salvare la vita a un paziente su 8 tra quelli in gravi condizioni e a un paziente su 25 tra quelli che ricevono ossigeno. Questi risultati sono ufficiosi ma i responsabili della ricerca hanno affermato che presto li pubblicheranno su una rivista scientifica gestita da scienziati indipendenti.

In tutti gli studi clinici, esiste un comitato indipendente di esperti che esamina i dati provvisori ed è responsabile di interromperli nel caso in cui si riscontri che un farmaco abbia dei benefici in modo che venga immediatamente iniziato a essere somministrato a tutti i pazienti. Questo è quello che è successo lo scorso 8 giugno durante lo studio clinico Recovery, che sta analizzando vari trattamenti per covid tra oltre 11.000 pazienti selezionati nei 175 ospedali nel Regno Unito.

Il desametasone è un noto farmaco, scoperto nel 1957. È un corticosteroide con effetti antinfiammatori e di soppressione della risposta immunitaria contro forti reazioni allergiche e malattie autoimmuni come l’artrite reumatoide.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità lo considera un farmaco essenziale per qualsiasi sistema sanitario.

Nel Regno Unito sono stati analizzati 2.104 infetti, scelti a caso. La mortalità tra coloro che avevano bisogno di respirazione assistita era del 41%, mentre quelli che avevano bisogno di ossigeno avevano un tasso di mortalità del 25%. Inoltre, i pazienti che non riscontravano queste complicanze avevano una mortalità del 13%.

«Il desametasone – ha affermato il ricercatore Peter Horby dell’Università di Oxford – è il primo farmaco per migliorare la sopravvivenza in Covid-19 sopravvivenza è più alta tra i pazienti che hanno assistito alla respirazione, quindi questo farmaco deve essere somministrato a tutti i pazienti in questo stato. Il desametasone è economico, disponibile e può essere usato per salvare vite umane in tutto il mondo», ha aggiunto. al ricercatore in un comunicato stampa rilasciato dalla sua istituzione».

«Sebbene preliminari – ha aggiunto Horby –  questi risultati sono molto chiari, il desametasone riduce il rischio di morte nei pazienti con gravi complicanze respiratorie”, ha aggiunto il medico di Oxford Martin Landray, che è stato anche responsabile dello studio. È fantastico che il primer sia usato per prevenire le morti ed è disponibile allo stesso modo».

Antonio Trilla, medico dell’ Ospedale Clinico di Barcellona e consulente scientifico del governo, ha spiegato: «Dopo tutti gli inconvenienti causati da altri farmaci, è necessario applicare una dose aggiuntiva di cautela»

Questo trattamento è stato applicato ai malati gravi in ​​Spagna per mesi.

«Fino ad ora è stata l’unica cosa che avremmo potuto dire con certezza clinica a migliorare le condizioni dei pazienti – ha spiegatoPilar Ruiz-Seco, assistente di medicina interna dell’ospedale Infanta Sofía di Madrid – Ma prima di somministrare corticosteroidi [la classe di farmaci che include il desametasone], è necessario tenere conto del fatto che presentano rischi».

I risultati preliminari dello studio britannico confermano molti di quelli precedenti che avevano visto benefici in questo medicinale, incluso uno studio retrospettivo su circa 400 pazienti condotto presso l’ospedale Puerta de Hierro di Madrid. Il lavoro, ancora rivisto da esperti indipendenti, mostra che i corticosteroidi riducono la mortalità del 41%.

Altri lavori svolti in Spagna prima della pandemia e pubblicati su The Lancet Respiratory Medicine hanno indicato che il desametasone ha alleviato una grave infiammazione polmonare causata da gravi infezioni.

«Nonostante questi risultati –  ha affermato Cristina Avendaño, farmacologa dell’ospedale Puerta de Hierro di Madrid e coautrice del primo studio – c’è ancora molta strada da fare, ad esempio per identificare quali pazienti dovrebbero ricevere il farmaco, quando e quale dosaggio».

Gabriele Giovanni Vernengo

Traduzione dell’articolo: https://elpais.com/ciencia/2020-06-16/descubierto-el-primer-farmaco-que-salva-vidas-contra-la-covid.html

Tag

Gabriele Giovanni Vernengo

Classe 94', amante della cultura e dell'arte. Fermo nei propri valori e nella sua fede cristiana, porta avanti il proprio talento tramite la poesia e il giornalismo, definite da lui stesso come «missioni» e/o « vocazioni».

Articoli correlati

Rispondi

Back to top button
Close