Cultura & Scienze

Covid-19, I raggi ultravioletti lo neutralizzano: la scoperta di uno studio

La correlazione tra quantità di raggi solari e andamento dell'epidemia da Covid-19 è stata scoperta proprio da un gruppo di scienziati italiani

I raggi ultravioletti sono in grado di neutralizzare il Coronavirus, quindi c’è una correlazione tra l’andamento dell’epidemia e la quantità dei raggi solari in vari Paesi del mondo.

Ad evidenziarlo sono i ricercatori dell’Università Statale di Milano, dell’Istituto nazionale di astrofisica (Inaf) e dell’Istituto nazionale dei tumori.

Nel corso di un’intervista rilasciata al Corriere della Sera, Mario Clerici, professore ordinario di Immunologia all’Università di Milano e direttore scientifico della Fondazione Don Gnocchi, ha spiegato che gli studi sono partiti da alcuni esperimenti con la radiazione UvC (che non arriva sulla Terra perché bloccata dall’atmosfera e prodotta da lampade a basso costo).

«Nell’esperimento – ha detto Clerici – sono state posizionate sotto le lampade gocce di liquido di diverse dimensioni (droplet) contenenti Sars-CoV-2, per simulare ciò che può essere emesso parlando o con uno starnuto».

«La carica virale – ha continuato Clerici – è stata inattivata in pochi secondi al 99,9% da una piccola quantità di raggi UvC».

«Il lavoro degli astrofisici – ha spiegato Clerici – è stato raccogliere dati sulla quantità di raggi solari in 260 Paesi, dal 15 gennaio a fine maggio. La corrispondenza con l’andamento dell’epidemia di Sars-CoV-2 è risultata quasi perfetta: minore è la quantità di UvA e UvB, maggiore è il numero di infezioni».

«Questo – ha osservato – potrebbe spiegarci perché in Italia, ora che è estate, abbiamo pochi casi e con pochi sintomi, mentre alcuni Paesi nell’altro emisfero, come quelli del Sud America, in cui è inverno, stanno affrontando il picco».

«Un caso a sé stante – ha aggiunto – è rappresentato da Bangladesh, India e Pakistan dove, nonostante il clima caldo, le nuvole dei monsoni bloccano i raggi solari e quindi l’epidemia è in espansione».

«Le goccioline – ha incalzato Clerici – che possono essere emesse da un eventuale soggetto positivo vengono colpite dai raggi solari e la carica virale è disattivata in pochi secondi».

«La quantità di raggi emanati dai dispositivi – ha spiegato in conclusione Clerici – potrebbe disinfettare completamente ambienti chiusi, con quantità minime di Uv e in tempi brevi. Potrebbero essere utilizzate nei cinema, negozi, uffici e anche nelle scuole».

LEGGI ANCHE: Coronavirus, in Svizzera identificati gli anticorpi contro il Covid-19

Gabriele Giovanni Vernengo

Tag

Gabriele Giovanni Vernengo

Classe 94', amante della cultura e dell'arte. Fermo nei propri valori e nella sua fede cristiana, porta avanti il proprio talento tramite la poesia e il giornalismo, definite da lui stesso come «missioni» e/o « vocazioni».

Articoli correlati

Rispondi

Back to top button
Close