Esteri

Coronavirus, stop alle funzioni religiose anche in Corea del Sud

Niente funzioni religiose pubbliche in Corea del Sud. A deciderlo, per la prima volta in 236 anni di presenza nel Paese asiatico, è stata la Chiesa Cattolica. L’obiettivo? Combattere la diffusione del Coronavirus.

Questa misura è stata condivisa da tutte le 16 diocesi sudcoreane. La prima a prendere le dovute precauzioni è stata la citta di Taegu, quarta del Paese, uno dei focolai del virus e che conta il 60% dei 1.261 casi accertati di infezione a livello nazionale. Finora i morti sono 12.

Solo oggi, proprio a Taegu, sono stati accertati 134 casi. Molti sarebbero riconducibili ai membri della Chiesa di Gesù Shincheonji, una setta religiosa che conta circa 200mila seguaci e 74 chiese nel paese.

Il governo ha decretato Daegu e l’area circostante «zona a gestione speciale per le malattie infettive». Il viceministro della Salute sudcoreano, Kim Kang-lip, ha dichiarato che il governo sta adattando le procedure di quarantena e prevenzione per far fronte al nuovo scenario di emergenza. Il ministero ha inviato altri 24 medici a Daegu, e sta aumentando i presidi cittadini per il rilevamento del virus.

Oggi un primo militare statunitense in Corea del Sud è risultato positivo al coronavirus. La scorsa settimana il numero dei contagi da Coronavirus in Corea del Sud si è quintuplicato in soli tre giorni.

Gabriele Giovanni Vernengo

LEGGI ANCHE: Coronavirus, i Cristiani organizzano la “Giornata Mondiale di Preghiera”.

Tag

Gabriele Giovanni Vernengo

Classe 94', amante della cultura e dell'arte. Fermo nei propri valori e nella sua fede cristiana, porta avanti il proprio talento tramite la poesia e il giornalismo, definite da lui stesso come «missioni» e/o « vocazioni».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close