Coronavirus in Italia, negative le prime analisi sulla donna ricoverata a Bari

di VoceControCorrente

Allarme a Bari per un sospetto caso di coronavirus ‘importato’ dalla Cina. Una donna, infatti, che è stata in varie province cinesi – è una cantante – tra cui anche quella di Wuhan, focolaio dell’epidemia, una volta rientrata in Italia, si è presentata al Policlinico con sintomi simil – influenzali, facendo immediatamente scattare i protocolli sanitari del caso.

Tuttavia, poche ore dopo, il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, Silvio Brusaferro, ha affermato: «In base alle analisi effettuate presso il Policlinico di Bari non eè confermato al momento che la paziente abbia una infezione da corona Virus 2019-nCoV. I servizi diagnostici hanno isolato un diverso agente etiologico noto per causare la patologia in atto».

Busaferro ha aggiunto «che la gestione di questo caso conferma come il sistema di sorveglianza nel nostro paese per affrontare i casi di coronavirus e’ pienamente attivo ed efficiente. È importante mantenere l’attenzione sul rischio ma anche considerare che la definizione di caso adottata a livello internazionale considera come potenzialmente a rischio le persone con sintomatologia legata ad infezioni delle alte vie respiratorie come tosse, febbre che negli ultimi 15 giorni sono state a Wuhan».

Si attende ora la conferma definitiva della mancata conferma del caso di contagio sul territorio italiano.

LEGGI ANCHE: Virus dalla Cina, cosa è meglio sapere.

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un 'Mi Piace' sulla nostra pagina Facebook!

Articoli Correlati