CronacaIn evidenza

Coronavirus, in 24 ore schizzano i contagi: in Italia registrati 2.548 nuovi casi

In Italia salgono a 2.548 i casi di Covid-19 nelle ultime 24 ore. Un incremento che non si verificava da oltre cinque mesi

In Italia salgono a 2.548 i casi di Covid-19 nelle ultime 24 ore. Un incremento che non si verificava da oltre cinque mesi. Complice dell’aumento dei casi il numero di tamponi record: 118.236, circa 13mila più di ieri. Il totale dei contagiati dall’inizio dell’emergenza sale a 317.409. Risale anche l’incremento del numero delle vittime: 24 in un giorno, contro le 16 di ieri, per un totale di 35.918.

Coronavirus, il bollettino dell’1 ottobre 2020

I numerosi casi emersi oggi potrebbero essere ricondotti alla riapertura delle scuole. I dati del ministero della Salute confermano inoltre la crescita dei pazienti ospedalizzati: nelle terapie intensive ci sono oggi 291 persone, 11 in più nelle ultime 24, mentre nei reparti ordinari sono 3.095, cinquanta più di ieri. Il totale dei dimessi e dei guariti sale invece a 228.844 con un incremento di 1.140 in un giorno.

Covid-19, i casi in Sicilia: 156 i nuovi positivi

Sono 156 i nuovi positivi nelle ultime 24 ore in Sicilia, 14 in meno rispetto alla giornata di ieri; sono 6.637 i tamponi eseguiti. Questi i dati registrati nell’isola e resi noti dal ministero della Salute. Salgono a 7.274 i casi dall’inizio dell’emergenza: attualmente 307 persone sono ricoverate in ospedale, mentre 20 si trovano in terapia intensiva. Si segnala una nuova vittima a Palermo, facendo salire il numero dei morti in Sicilia a 312.

Al via test salivari nelle scuole del Lazio

Intanto anche nel Lazio potrebbe arrivare l’obbligo di indossare la mascherina all’aperto.  La misura mira a contenere i contagi, in rialzo nella regione negli ultimi giorni, e riguarderebbe in particolare tutte quelle situazioni in cui il distanziamento sociale non è possibile.

Al via lunedì con i test salivari nelle scuole del Lazio. Il progetto pilota interesserà diversi istituti. “Partiremo con la sperimentazione del test salivare nelle scuole del Lazio, nel corso dello screening su 800mila studenti” ha spiegato nei giorni scorsi Francesco Vaia, direttore sanitario dello Spallanzani di Roma. Il test salivare è stato validato allo Spallanzani. “E’ un metodo meno invasivo e ci consente di evitare il secondo prelievo”, spiega Vaia.

Tag

Articoli correlati

Rispondi

Back to top button
Close