CronacaIn evidenza

Coronavirus, i Cristiani organizzano la “Giornata Mondiale di preghiera”

L’iniziativa coinvolgerà circa 500 chiese cristiane di tutto il mondo.

Cristiani di tutto il mondo uniti in preghiera contro il Coronavirus. Sono circa 500 le chiese cristiane che hanno aderito alla Giornata Mondiale di Preghiera in programma per venerdì 6 marzo 2020.

Era inevitabile che uno dei temi più ‘caldi’ di questo periodo entrasse nella lista delle preghiere dei cristiani sparsi su tutto il Pianeta. Il timore di una pandemia sta forse prendendo più piede della stessa influenza, generando allarmismo, panico e psicosi. Il coronavirus intanto continua ad espandersi e già da qualche giorno ha raggiunto anche la nostra nazione, facendola balzare al terzo posto come numero di contagi.

Nelle città già messe in quarantena regna uno scenario di guerra. Dai Comuni in isolamento (circa 11 in Italia tra Veneto e Lombardia, soprattutto nel lodigiano) non si può né entrare né uscire. Le misure restrittive prevedono anche il divieto di manifestazioni pubbliche, lo stop alle messe in chiesa e la chiusura delle scuole e delle università. Anche le partite di calcio di serie A previste al nord Italia sono state rinviate a data da destinarsi. Le zone isolate, inoltre, non sono più raggiungibili coi mezzi pubblici e sono costantemente presidiate dalle forze di polizia o da altri corpi dello Stato, compresi i militari stessi. Per chi viola i blocchi sono previste sanzioni.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Fontana: “Poco più grave di un’influenza”

Nelle città dove invece non si annoverano ancora casi di contagio, è già corsa ai supermercati per accaparrarsi generi di prima necessità, preferibilmente a lunga conservazione. Sono sempre più diffuse le foto sul web di scaffali completamente vuoti. Inoltre, il prezzo dei gel igienizzanti per le mani è salito vertiginosamente.

In mezzo a questo clima di rischio e paura, i cristiani combatteranno con quella ritenuta dalla fede l’arma più potente: la preghiera. Come riportato dal giornale online Notiziecristiane.com, sono oltre 170 i paesi coinvolti e centinaia i gruppi attivi sul territorio nazionale, ai quali si sono aggiunti evangelici di diverse denominazioni.

La Giornata Mondiale di Preghiera nasce alla fine del 1800 negli Stati Uniti per iniziativa di organizzazioni religiose femminili evangeliche, presbiteriane e battiste in particolare. Inizialmente chiamata Giornata mondiale di preghiera delle donne, il termine donne è stato poi eliminato per rilevare il coinvolgimento di tutte le persone.

Quest’anno si pregherà per la libertà cristiana, la guarigione, per le massime autorità del governo e della salute in Italia e nel mondo che compiono intensi ed enormi sforzi per porre fine a questa situazione sanitaria così critica, per i popoli colpiti impegnati a proteggersi dal virus, per i fratelli delle chiese, per l’attività di assistenza degli operatori sanitari e per le famiglie che hanno perso i loro cari.

Naomi Mezzasalma

LEGGI ANCHE: Coronavirus, altre 3 vittime in Italia, tutte in Lombardia.

Tag

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close